Freddo, polemiche e disservizi in Abruzzo

Gelo, neve e polemiche. L’Abruzzo interessata dall’ondata di maltempo, cessate per il momento le precipitazioni sulla costa, è alle prese con una serie di problemi venuti fuori a causa delle eccezionalità degli eventi atmosferici. Molte località dell’interno sono ancora difficili o impossibili da raggiungere. Forze dell’ordine, Vigili del Fuoco, Protezione Civile, personale dei vari comuni, ma anche tecnici dell’Enel e della Terna e delle società che gestiscono le reti idriche da ore sono impegnati per riportare la situazione alla normalità. Ma non è assolutamente semplice. Nell’Alto Sangro nelle ultime ore imperversa una violenta bufera di neve, soprattutto nella zona di Roccaraso. Un’autopattuglia dei carabinieri e un mezzo dei Vigili del Fuoco che erano sulla SS17 per portare soccorso ad alcuni automobilisti che hanno violato il divieto di transito,  sono stati colpiti dalla tormenta. Per liberarle sono dovuti intervenire mezzi dell’Anas.

banner-660x150Anche per la prossima nottata sono attese temperature molto basse ovunque.

A Pescara la viabilità in città è regolare. Dalla notte del 5 e senza sosta stanno operando gli 8 spargisale con 5 lame spazzaneve di cui il Comune dal 2014 è dotato. Versato 450 tonnellate di sale a cui se ne sono aggiunte altre 18 nella sola giornata di oggi e al momento la percorribilità delle arterie cittadine è assicurata ovunque.

“Con la struttura della Protezione Civile comunale abbiamo garantito il prelevamento di personale ospedaliero da altri Comuni verso il nosocomio cittadino e assicurato collegamenti per la consegna di medicinali salvavita – si legge in una nota diffusa da Palazzo di Città -. Le squadre di operai hanno garantito la fruibilità ai marciapiedi con le cariole spandisale, contro rovinose cadute e infortuni degli anni scorsi. A tutte le squadre, collaboratori, operatori comunali ed extra, va il nostro ringraziamento, perché il lavoro andrà avanti finché il gelo non allenterà la sua morsa. Grazie anche ai tanti cittadini che hanno seguito consigli e regole per aiutarci ad affrontare l’avversità al meglio e a non complicare disagi e percorribilità cittadina arrischiandosi ad uscire e a girare senza catene e gomme termiche”.

Ma non sono mancate le polemiche. Rimproveri su come si sono svolte le operazioni previste nel piano neve sono piovute dall’Associazione Pescara Mi Piace. A queste dal Comune replicano che “i cui fautori dell’associazione mirano a recuperare il proprio fallimento storico, proprio nella gestione delle emergenze della città di Pescara, raccontando bugie sull’operato degli altri. Dire che non ci sono stati mezzi e materiali a disposizione della città è una balla spaziale, un’assurdità che solo chi ha occhi bendati può sostenere. Non abbiamo mai pensato che tutti i problemi potessero essere risolti in sole 24 ore, perché ci siamo trovati di fronte ad un calo repentino e improvviso delle temperature, che ha paralizzato tutto il territorio: stiamo parlando di 300 km di strade, che in questi giorni abbiamo percorso tutte e la cui fruibilità è stata riacquistata con un ritardo solo di qualche ora rispetto all’inizio dell’avversità. L’emergenza non è ancora terminata. In serata e nelle ore notturne sono previste ulteriori gelate che affronteremo con i nuovi quantitativi di sale di cui ci siamo ancora forniti”.

Da Pescara a Teramo. La Provincia questa sera ha fatto un bilancio   degli interventi e dei mezzi impegnati. “I mezzi del Piano neve, saliti a novantatré, hanno lavorato incessantemente anche durante le notte a causa delle condizioni atmosferiche critiche in particolare nella zona Atri-Pineto-Roseto dove fino a questa mattina hanno continuato a susseguirsi bufere di neve. Situazioni difficili in alcune frazioni del comune di Roseto dove, peraltro, è mancata l’energia elettrica per molte ore e dove si sono concentrati gli spazzaneve. Da questo pomeriggio i mezzi hanno iniziato a spargere il sale che viene distribuito su tutta la rete provinciale perchè i principali problemi continuano ad essere la basse temperature e le formazioni di ghiaccio”.

Il presidente Di Sabatino e il consigliere delegato alla viabilità, Mauro Scarpantonio, hanno compiuto sopralluoghi per l’intera giornata insieme ai tecnici mentre nella sala operativa della Provincia vengono costantemente monitorati i mezzi al lavoro e gli interventi grazie ai Gps.

“Va rilevato che, nonostante le raccomandazioni, si vedono ancora molti automezzi senza gomme termiche – sottolinea Renzo Di Sabatino – mentre anche nelle aree più colpite si transita agevolmente con le gomme antineve o con le catene. La montagna è accessibile e oggi abbiamo concentrato gli sforzi in quelle frazioni rimaste indietro per garantire l’accessibilità delle vie principali. Uno sforzo notevole che dovrà continuare nei prossimi giorni a causa del ghiaccio e delle basse temperature”.

In Provincia, domani, si svolgeranno regolarmente le operazioni di voto per le elezioni di secondo livello: si voterà dalle 8 alle 20, lo spoglio inizierà lunedì mattina.

Per quanto riguarda la provincia di Chieti si lavora per riportare l’energia elettrica in alcune  frazioni di Atessa, Montazzoli, Fallo, Gessopalena, Roseto e Lanciano. Nel capoluogo frentano molti cittadini, soprattutto quelli che vivono nelle contrade, lamentano disagi per la mancata pulizia dalla neve delle strade, ma anche problemi di approvvigionamento idrico e di altri servizi.

Ancora in codice rosso tutto il tratto abruzzese dell’autostrada A/14 e A/25.

Di seguito l’elenco aggiornato delle le scuole di ogni ordine e grado che a causa del maltempo non riapriranno dopo la pausa natalizia.

Provincia di Chieti – Chieti, Lanciano e Orsogna fino a mercoledì 11; Castel Frentano, Sant’Eusanio del Sangro, Monteodorisio, Scerni, Celenza sul Trigno e Guardiagrele fino a martedì 10; Fossacesia, Mozzagrogna, Santa Maria Imbaro, Crecchio, Ortona, Palmoli, San Salvo e Treglio solo lunedì 9.

Provincia de L’Aquila – Castel Di Sangro, Pratola solo lunedì 9

Provincia di Pescara – Pescara, Montesilvano, Città Sant’Angelo, Penne, Cepagatti solo lunedì 9.

Provincia di Teramo – Roseto degli Abruzzi, Giulianova, Mosciano Sant’Angelo, Teramo, Pineto e Silvi solo lunedì 9.

L’università degli Studi Gabriele D’Annunzio di Pescara e Chieti, per il momento, non prevede alcun giorno di chiusura pertanto sarà regolarmente aperta lunedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *