Maltempo: la Regione chiederà lo stato di calamità. Scuole ancora chiuse

La Regione Abruzzo sta raccogliendo i dati relativi all’emergenza neve in corso dal 5 gennaio allo scopo di istruire il riconoscimento dello Stato di Emergenza regionale. A beneficiarne saranno soprattutto i piccoli Comuni, i più colpiti dalle avversità atmosferiche in atto. I danni subiti potranno essere segnalati alla Protezione civile. A proposito dell’emergenza neve, si ricorda che la viabilità provinciale è stata finanziata dalla Regione con 500mila euro e che è stato attivato un contributo straordinario per i 14 Comuni terremotati.

banner-660x150Secondo le previsioni, domani dovrebbe essere l’ultimo giorno di maltempo sulla nostra regione, che anche oggi ha fatto registrare nevicate a bassa quota. Le temperature scenderanno e la situazione favorirà la presenza di ghiaccio, il pericolo maggiore per chi va in auto. Tutte le principali arterie di collegamento sono state liberate, ma le secondarie si affrontano con molta difficoltà.

Scuole chiuse domani a Vasto, San Salvo, Chieti, Ortona, Orsogna, Lanciano, Treglio, Tollo, Canosa Sannita, Bucchianico, Fossacesia, Mozzagrogna, Santa Maria Imbaro, Rapino, Pizzoferrato, Guardiagrele, Casalbordino, Furci, Gissi, Scerni, Pollutri, Palmoli. Fino al 12, Monteodorisio e Celenza sul Trigno; fino al 14 a Montazzoli e Crecchio.
A Pescara domani sarà sospesa soltanto l’attività didattica per consentire verifiche e controlli nei plessi di competenza. Chiusura per domani a  Penne, Cepagatti, Città S.Angelo, Montesilvano.

Nel teramano, domani non suonerà la campanella a Giulianova e Roseto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *