Sangritana, tracciati bilancio 2016 e strategie per il 2017

A pochi giorni dalle dimissioni di Luciano D’Amico da presidente della TUA SpA, la ferrovia Sangritana/divisione ferroviaria della società del Trasporto pubblico regionale taccia il bilancio sui risultati conseguiti nel 2016. Un’occasione anche per lanciare uno sguardo sulle strategie del 2017.

I conti sono stati fatti oggi nella sede di Lanciano dai vertici aziendali e i responsabili del settore ferroviario. A coordinare i lavori il consigliere del CDA di Tua Spa delegato alla ferrovia, Giovanni Di Vito.

I dati consolidati del 2016 sono positivi e mettono in evidenza un trend in crescita sia dal punto di vista del trasporto pubblico locale, sia nel settore merci, sia in ambito di infrastrutture.
Per il trasporto passeggeri, su rete ferroviaria italiana, nel corso dell’ultimo anno, è stato garantito il 99,34% dei treni; in altri termini, su 13.529 treni programmati ne sono stati garantiti 13.440 e la mancata o incompleta effettuazione dei servizi è stata causata principalmente da due fattori non dipesi, bensì subiti, da Sangritana/Tua: il prolungamento della sosta oraria (per il 40,83 %) e i ritardi di altri treni di altri vettori ferroviari (23,13 %).

Sulla rete sociale (San Vito Lanciano-Lanciano) i dati consolidati del 2016 risultano essere ancora più positivi: sono stati infatti garantiti 7.391 treni su 7.416 programmati. Un altro aspetto importante, soprattutto per l’utenza e per l’effettuazione del servizio, è rappresentato dalla media ritardi dei treni: il dato, infatti, risulta molto basso, cioè pari a 2,5 minuti, con la quasi totalità dei treni in orario. Infatti, il 95,4% non supera mai 10 minuti di ritardo). Sangritana/divisione ferroviaria di Tua Spa ha garantito circa il 20% del trasporto ferroviario passeggeri in Abruzzo, toccando anche altre regioni come il Molise e le Marche.

Tra i principali obiettivi dell’azienda unica di Trasporti della regione Abruzzo in ambito passeggeri sono prioritari quelli del miglioramento ulteriore dell’offerta con l’altro vettore ferroviario che assicura il trasporto pubblico locale regionale (Trenitalia), l’accrescimento della customer satisfaction e lo sviluppo di strumentazioni di carattere tecnologico.

Performance positive anche nel settore merci; i dati di questo ambito risultano essere ancora più significativi in quanto, nel corso del 2016, Tua Spa ha realizzato anche la separazione tra i settori ferroviari (merci, passeggeri, manutenzione dei treni ed infrastruttura ferroviaria) e la contabilità tra gli stessi.

Nel settore cargo, infatti, si è registrato un incremento delle attività pari al 23% rispetto al 2015 con 411 coppie di treni nel 2016. Incrementi anche per altre attività direttamente legate al trasporto merci come le attività di manovre (più 17%) e alla movimentazione dei carri ferroviari (più 11%). Tra il settore merci, nel corso del 2016, sono state consolidate le strategie commerciali con Sevel nel polmone produttivo della regione, cioè in Val di Sangro, e con l’Interporto di Manoppello grazie all’intesa messa in atto a novembre con IFR. Tra i maggiori partner del settore merci vanno annoverati i colossi del settore ferroviario come la francese Captrain (54%) e del settore dell’automotive Sevel (30%).

Tra gli obiettivi per il 2017, il settore merci si candida al trasporto, su rete ferroviaria italiana, di semirimorchi oltre al consolidamento delle attività già in essere e l’avvio di nuove partnership commerciali con altre imprese ferroviarie europee.

Nell’ambito infrastrutturale, invece, il 2016 ha posto le basi per una rivoluzione epocale: infatti, la recente normativa, ha equiparato l’infrastruttura ferroviaria di Sangritana a quella del gestore dell’infrastruttura RFI e, in quanto tale, è stato avviato il processo di adeguamento, sotto tutti i punti di vista, alla normativa europea e alla legislazione dell’Agenzia nazionale per la Sicurezza delle ferrovie (Ansf). Sangritana ha avviato il processo di ottenimento dell’autorizzazione di sicurezza che si concluderà il 14 marzo 2017 e il contestuale attrezzaggio della linea Lanciano-San Vito Lanciano.

Sempre a livello di infrastruttura ferroviaria, progetti importanti ed in fase di sviluppo, riguardano la realizzazione della piastra logistica di Saletti per dare ulteriore impulso all’economia regionale in Val di Sangro. Proseguono, inoltre, i lavori di ammodernamento della tratta da Fossacesia-Torino di Sangro ad Archi ed i lavori di ammodernamento e di adeguamento agli standard europei della stazione di Fossacesia.
“I dati del 2016 – ha spiegato Giovanni Di Vito – mettono in evidenza un trend positivo nell’ultimo periodo che acquista ancora più valore alla luce della creazione del soggetto unico abruzzese dei trasporti che è rappresentato da Tua Spa. L’architettura importante e complessa della divisione ferroviaria – ha continuato il delegato al ferro del CDA di Tua Spa – ha richiesto un impegno ancora più capillare nel secondo semestre del 2016 in quanto, a seguito dell’incidente di luglio in Puglia, si è verificata un’accelerazione normativa che ha portato all’estensione del Certificato di Sicurezza sulla tratta interna dell’impresa ferroviaria e alla richiesta dell’Autorizzazione di Sicurezza in qualità di gestore, il cui processo risulta essere estremamente impattante. Inoltre – ha proseguito Di Vito – stiamo traducendo operativamente gli indirizzi del Masterplan a Saletti dove contiamo di giocare una partita sempre più strategica per la regione Abruzzo e per l’economia produttiva di questo territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *