Orsogna, paese di centenari

Festa grande a Orsogna per Ersilia Di Salvatore e Carmina Marcello, entrambe classe 1917 e entrambe nate nel febbraio di 100 anni fa a distanza di pochi giorni l’una dall’altra: Ersilia il 16 e Carmina il 22.

“A Orsogna si vive bene, si campa cent’anni e tutti dovrebbero venire ad abitarci – dice un sicuro Fabrizio Montepara, sindaco della cittadina. E a confermare le sue parole il fatto che le due nonnine sono particolarmente vispe, allegre, perfettamente lucide e hanno ricevuto in casa la visita del primo cittadino e lo hanno accolto all’ingresso personalmente, camminando in totale autonomia. Con tanto di baci e abbracci. Ersilia e Carmina sono state festeggiate nelle rispettive abitazioni da figli, nipoti, parenti, amici, vicini di casa e a ciascuna il sindaco Montepara ha consegnato un omaggio floreale e una targa celebrativa dei cento anni appena compiuti. A Orsogna, 4.100 abitanti a 432 metri sul livello del mare, “città del vino” a metà strada tra l’Adriatico e la Majella, raggiungere il secolo di vita non è difficile, anzi è cosa frequente: già un anno fa i rappresentanti del Comune fecero visita e festeggiarono tre centenari nel giro di tre mesi.

“Abbiamo una qualità della vita a dimensione umana che solo i piccoli Comuni possono garantire, grazie ad abitudini sane, a una rete sociale e familiare solida, a un ambiente non contaminato, a un contesto meno stressante sotto tutti i punti di vista – afferma Montepara, il quale è anche presidente nazionale dell’associazione Res Tipica dell’Anci -. Comuni e comunità che resistono nonostante tante difficoltà, nonostante a tutti i livelli si continui a sottovalutarne il ruolo. L’appello a tutti è di scegliere i piccoli Comuni come Orsogna: l’unico vero “rischio” è di… vivere cent’anni!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *