Pescara: Don Pagniello (Caritas) interviene sulla questione del mercatino senegalese

«La sistemazione del mercatino etnico nel sottopasso ferroviario è un primo passo necessario a sostegno delle comunità più deboli presenti sul nostro territorio».

Sono queste le parole di don Marco Pagniello, direttore della Caritas diocesana di Pescara-Penne, in merito alle resistenze sull’apertura del mercatino etnico in via Ferrari. «Comprendo i timori e le lamentele legate alla gestione del mercatino nel passato – continua don Marco – così come immagino che lo smantellamento dello scorso anno possa esser stato percepito come una sorta di successo da parte di alcuni, ma non capisco la riluttanza e il rifiuto. La riapertura del Mercatino in altro luogo, del resto, era stata una promessa che, oggi, è giusto mantenere con l’impegno, ovviamente, di un lavoro attento e di un controllo costante che favorisca la legalità e il rispetto delle regole necessarie per la compravendita».

Non intende entrare in polemica il direttore della Caritas, che vuole, invece, avvicinare le parti per un lavoro a favore della popolazione. «Si continua a ragionare in un’ottica di contrapposizione – conclude il direttore della Caritas – che è sempre contro l’interesse della collettività, un termine, tra l’altro, che non può ancora dividerci in italiani e stranieri. Dovremmo, invece, impegnarci tutti per cercare una vera integrazione e alimentare occasioni di confronto e condivisione a favore della conoscenza e dell’incontro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *