La Finanza sequestra 100mila articoli contraffatti nel termano

La lotta portata avanti in Abruzzo dalla Guardia di Finanza non si arresta. Dopo le operazioni a Vasto, a Pescara e in altre località le Fiamme Gialle hanno dato un altro duo colpo al diffuso fenomeno delle contraffazioni, nonché alla tutela della sicurezza dei prodotti. L’intervento ha riguardato stavolta il termano. I militari del Comando Provinciale hanno individuato un importante canale di distribuzione di prodotti recanti marchi contraffatti. Sono stati sequestrati oltre 100.000 prodotti tra cui giocattoli per bambini, articoli sanitari (siringhe, cerotti, guanti monouso, ecc.) e cancelleria in vendita presso un esercizio commerciale di un Comune dell’entroterra della provincia teramana, privi dei requisiti minimi previsti a tutela della fede pubblica e della sicurezza del consumatore finale. Nello specifico, a seguito dell’approfondito controllo da parte delle Fiamme Gialle, e’ stato riscontrato che la marcatura CE, seppur apparentemente regolare, era apposta su confezioni e prodotti difformi dagli standard previsti dalla normativa vigente. Il responsabile dell’attività, di nazionalità cinese, è stato segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo per i reati di contraffazione e frode nell’esercizio del commercio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *