Pescara: ‘knock-out’ game nelle notti della movida. La polizia esegue 2 arresti

La Squadra Mobile della Questura di Pescara ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G. I. P. del locale Tribunale, Elio Bongrzio, su richiesta del P. M., Barbara Del Bono, nei confronti di Francesco Parolise, di anni 20 e di Andrea Tiberii, di anni 27, entrambi pescaresi, indagati per il reato di lesioni gravissime.

Gli arresti scaturiscono da due violente aggressioni avvenute il 11 e 19 febbraio scorsi nell’area urbana  di Pescara Vecchia, meta di giovani e giovanissimi soliti ritrovarsi nei numerosi locali lì presenti, in cui due ragazzi sono rimasti gravemente feriti; aggressioni attuate con il famigerato ‘knockout game’. L’attività d’indagine svolta dalla Squadra Mobile, si è basata sulla visione dei filmati provenienti dai sistemi di videosorveglianza presenti in zona e sulle indicazioni fornite dalle vittime e da alcuni testimoni.

Il GIP ha disposto l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del Parolise e quella della custodia in carcere per il Tiberii; il primo è indagato per il reato di lesioni gravissime in ordine a entrambi gli episodi, mentre il secondo è indagato per il reato di lesioni gravissime e per il reato di minaccia aggravata (dall’uso di un coltello) in ordine al solo episodio del 19 febbraio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *