Presunta violenza sessuale su minore: il pensionato resta in carcere

Il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Lanciano, Massimo Canosa, ha rigettato oggi la richiesta di revoca della custodia cautelare in carcere proposta dagli avvocati Maria Grazia Piccini e Mario Di Iullo, difensori di D.P.N., 69 anni, di Santa Maria Imbaro, sul quale pesa l’accusa di violenza sessuale in danno di un minore di dodici anni della stessa località. Il pensionato dunque resta nella Casa Circondariale di Villa Stanazzo. Intanto, da quel che si apprende, la Procura della Repubblica di Lanciano ha presentato al gip la richiesta di incidente probatorio. Un passaggio importante nella vicenda. Lo scopo è quello di mettere a confronto l’indagato e il bambino, figlio di professionista, sulla base delle prove finora raccolte dagli investigatori.

D.P.N., continua a proclamarsi innocente. Sentito dal gip nell’udienza di convalida dell’arresto, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *