Lavoro: associazioni datoriali e sindacati chiedono incontro con Regione

I Presidenti e i Segretari Generali regionali di  ANCE, CGIL, CONFAPI, CISL, CASARTIGIANI, UIL, CIA, UGL, CLAAI, CNA, COLDIRETTI, CONFAGRICOLTURA, CONFARTIGIANATO, CONFCOMMERCIO, CONFESERCENTI e CONFINDUSTRIA a seguito delle mobilitazioni e delle iniziative recentemente, hanno richiesto al Presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, un incontro urgente per affrontare le criticità che investono pesantemente il mondo del lavoro e produttivo nel nostro territorio regionale.

La necessità è dare immediato avvio ad una più incisiva fase politica e di programmazione in grado di dare completa attuazione alle intese sottoscritte e di determinare le condizioni per dare risposte concrete all’Abruzzo. E’ un elemento di assoluta priorità anche in relazione alle drammatiche conseguenze derivanti dai recenti eventi sismici e meteorologici che hanno interessato ampi territori delle aree interne.

In tal senso, le parti sociali, peraltro consapevoli che le emergenze che investono la regione Abruzzo non sono risolvibili solo con interventi di politica locale, hanno condiviso la necessità di un urgente confronto strutturato con la Presidenza e il Governo della Regione, che abbia come prime priorità di discussione: l’avvio di una “Vertenza” nei confronti del Governo nazionale, che evidenzi la complessità della situazione regionale e la necessità di interventi specifici e adeguati; una analisi e una riflessione puntuale a livello regionale sullo stato di attuazione dei programmi di cui ai Fondi nazionali ed europei, al Master Plan e a tutto quanto previsto nel Patto per lo Sviluppo siglato nel luglio scorso a Civitella del Tronto.

“Accogliamo di buon grado l’invito delle associazioni imprenditoriali ad incontrare il Presidente D’Alfonso per affrontare le varie problematiche relative alla nostra regione. L’uso dei comunicati stampa per richiedere incontri potrebbe far pensare che l’attuale governo regionale non abbia la consuetudine di farlo, aldilà delle intenzioni di chi li dirama – replica Andrea Catena, consigliere del Presidente della Giunta regionale -. È bene allora precisare che la Regione ha istituito da due anni un Tavolo permanente del partenariato economico e sociale che si riunisce periodicamente, ed è l’unica regione in Italia ad aver sottoscritto l’Addendum al Patto per lo sviluppo – Masterplan, firmato il 9 luglio 2016 a Civitella del Tronto con tutte le parti sociali. Questo Patto prevede la costituzione di una cabina di regia  – di cui le associazioni datoriali sono parte attiva e protagonista insieme con i sindacati – che trimestralmente verifica lo stato di avanzamento degli obiettivi contenuti nel Patto e la tempistica dei relativi bandi. Sulla necessità della vertenza Abruzzo sulle dolorose vicende del maltempo e sismiche, essa è per noi aperta quotidianamente e ha prodotto risultati senza precedenti come le norme per le zone franche e contributive, il riconoscimento dei danni indiretti, il piano di interventi infrastrutturale, il reddito di dignità per le famiglie in difficoltà. Su tutte queste partite, cosi come sullo stato di attuazione del Masterplan che vede la Regione Abruzzo essere la prima regione per procedimentalizzazione, come riconosciuto  dal ministro Claudio De Vincenti, la Giunta regionale è pronta a informare e rendere partecipi le organizzazioni imprenditoriali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *