Molestano e derubano anziana, fermate dalla polizia

Arrestata minorenne per tentata rapina ad un’anziana: aveva come complice una 19enne incinta con un bimbo di pochi mesi in braccio. Arrestato anche un falsario dal Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo.

I fatti: la Squadra Volante della Polizia di Pescara è intervenuta in viale Bovio, nei pressi degli uffici della Regione Abruzzo, dove due nomadi erano intente a molestare con insistenza una persona anziana. Sul posto i poliziotti individuavano immediatamente le ragazze, di cui una appena sedicenne, le quali si stavano allontanando da una 77enne in preda al panico. Le giovani, di 16 e 19 anni, entrambe di nazionalità Bosniaca, con numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio, pochi attimi prima dell’arrivo dei poliziotti, con la scusa dell’accattonaggio, avevano circondato la vittima, stringendola con forza ai fianchi e, dopo averla bloccata, la nomade 16enne aveva cercato di sfilarle il portafogli dalla borsa portata a tracolla. La 19enne, coadiuvava la più giovane reggendo in braccio un bimbo di 8 mesi. Le urla della signora aggredita facevano desistere le due complici, le quali tentavano di allontanarsi ma venivano subito bloccate dai poliziotti. La minore veniva arrestata per tentata rapina aggravata in concorso ed associata al Centro di Prima Accoglienza di L’Aquila, mentre la complice 19enne veniva denunciata in considerazione del bimbo portato al seguito e dello stato di gravidanza.   Personale della Polizia di Stato, nella giornata di ieri ha arrestato Antonio Ciarelli, 48 anni, originario del milanese, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Perugia, dovendo espiare la pena di anni 6 di reclusione per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso con altri (fatti commessi a Pescara il 27.01.2010). Dopo le formalità, il personale della Squadra Mobile che ha eseguito il provvedimento, accompagnava l’arrestato presso il Carcere di Pescara.

Ieri pomeriggio, a Montesilvano, la Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Pescara, in collaborazione con la Squadra Volante, ha effettuato un arresto nell’ambito di un’attività di contrasto allo spaccio di stupefacenti. In Via Ariosto, nei pressi delle palazzine “Viola e Tillia”, già teatro di precedenti operazioni contro lo spaccio ed il commercio di prodotti contraffatti, l’ultima delle quali pochi giorni fa, quando è stato incarcerato uno spacciatore straniero che aveva venduto droga a due tredicenni, è stato arrestato in flagranza di reato, per il reato di spaccio di stupefacenti, Bara FAYE, 39 anni, senegalese, privo di regolare permesso di soggiorno, in quanto poco prima aveva venduto una dose di marijuana ad un giovane italiano. All’udienza di convalida, svoltasi nella mattinata odierna, il GIP ha disposto per l’arrestato, l’immediata liberazione, vista la tenuità del fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *