Marsica, operazione contro il traffico di stupefacenti: 14 arresti

Maxi operazione dei carabinieri contro il traffico di sostanze stupefacenti è in corso  nella Marsica. Gli uomini dell’Arma di Tagliacozzo stanno eseguendo 14 ordinanze di custodia cautelare emesse dai giudici per le indagini preliminari de L’Aquila e Avezzano. Per dieci persone i provvedimenti cautelari sono per custodia in carcere, quattro agli arresti domiciliari.

 

La rete di spacciatori sgominata dai Carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo e dalla Stazione Carabinieri Forestale di Avezzano, movimentata un giro d’affari da 500mila euro. Nell’operazione delle ultime ore sono stati impegnati circa 100 militari.

L’indagine che ha portato agli arresti, tra cui due donne, è iniziata nel gennaio 2016 in seguito ad alcune attività criminali quali furti ha messo sulla pista le forze dell’ordine, che hanno iniziato a monitorare alcuni soggetti e ben presto, attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali, pedinamenti, ha consentito di mettere a fuoco l’esistenza di una vera e propria organizzazione composta da numerosi spacciatori. Oltre agli arrestati di oggi (tranne due che vengono ricercati) figurano numerosi indagati. Sulla base degli elementi acquisiti e trasmessi alle Procura de L’Aquila e Avezzano, è stata interessata la Direzione Distrettuale Antimafia d’Abruzzo, che ha chiesto al G.I.P. del Tribunale di L’Aquila, Giuseppe Romano Gargarella, l’emissione dei provvedimenti restrittivi, fondati sul’esistenza di un’associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti con operatività sui territori di Avezzano, Celano, Scurcola Marsicana, L’Aquila, Milano e Teramo, con la costante destinazione dello stupefacente al mercato clandestino abruzzese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *