L’Associazione di Consumatori Codici alla Sasi: “Non applicare la tassa per ritardo nel pagamento delle fatture”

La  S.A.S.I. SpA. di Lanciano, sta inviando le fatture per il pagamento del consumo dell’acqua potabile con il ricevimento da parte degli utenti, come di consueto, dopo la data di scadenza. Mario Ciccocioppo, responsabile dell’Associazione di Consumatori Codici per la Zona Frentana, invita la Servizio Idrico integrato a non applicare nessuna tassa per il ritardato pagamento delle stesse nelle prossime fatture emesse, in quanto le stesse sono state ricevute dagli utenti dopo la scadenza della data del pagamento.

“Nelle suddette fatture, ci fanno notare i nostri associati, è stata applicata una somma per “deposito cauzionale” agli utenti che non hanno provveduto a domiciliare la fattura presso un Istituto di Credito – spiega Ciccocioppo -. A tale proposito è bene ricordare alla Società SASI che la cauzione è già stata versata dagli utenti al momento dell’allaccio al Servizio Acquedotti dai Comuni di provenienza e da altri Enti, con cui hanno sottoscritto il contratto a suo tempo. Infatti, la delibera del 2013, emanata dalla AEEGSI (Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico), non dispone che il deposito cauzionale possa essere richiesto sia per i nuovi contratti che per quelli in essere in quanto l’art.5 recita testualmente che ”il gestore applica, al momento dell’attivazione dell’utenza, un ammontare del deposito cauzionale determinato ai sensi dell’art.4”. E’ evidente che il versamento del deposito cauzionale sia limitato alla stipula di nuovi contratti. CODICI – Centro per i Diritti del Cittadino, invita la SASI SpA a non richiedere il deposito cauzionale non dovuto in quanto già versato a suo tempo ed a rimborsare, nella prossima fattura che andrà ad emettere, la somma indebitamente addebitata  in quelle già emesse. Questa Associazione invita altresì i Sindaci del Comprensorio a voler tutelare i loro Cittadini contro gli aumenti indiscriminati del prezzo dell’acqua che la SASI sta attuando con frequenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *