Oltre 24 milioni per 17 scuole abruzzesi danneggiate dal terremoto

La Struttura commissariale governativa per il terremoto ha completato ieri la procedura d’esame della proposta di ordinanza contenente il programma straordinario per la riapertura delle scuole nei territori delle regioni interessate dagli eventi sismici verificatisi dal 24 agosto 2016. Sono in arrivo oltre 24 milioni per 17 scuole abruzzesi, sotto la gestione degli Uffici Speciali per la Ricostruzione di ciascuna regione.

Gli interventi previsti riguardano il completamento rifacimento e interventi di messa in sicurezza.

“Quello della formazione dei nostri figli – ha commentato il Presidente Luciano D’Alfonso – è uno dei temi più importanti nella delicata fase della ricostruzione. Questo è il secondo piano di interventi della struttura commissariale dopo il Programma Speciale che aveva concesso 2,5 milioni per un intervento a Isola del Gran Sasso; ne seguiranno altri, a testimonianza del fatto che il Governo ci è costantemente vicino”.

Scuola dell’infanzia “Leognano”, a Montorio al Vomano; “A. Gasbarrini” Civitella e Scuola materna Civ. a Civitella del tronto; Scuola media “Niccola Palma” e la Scuola elementare, media, palestra e Scuola materna a Campli; Scuola materna “Paolo Del Tosto”, a Pizzoli; Scuola dell’infanzia ed elementare “San Giuseppe”, Scuola dell’infanzia villa Ripa , I T C  programmatori “B. Pascal”, a Teramo; , ITC “G. Marconi” Piccola Succursale, a Penne; Istituto superiore “B. Spaventa” , a Città Sant’Angelo; Scuola primaria e Direzione didattica plesso vecchio, a Sant’Egidio alla Vibrata;  Complesso scolastico “Carlo Forti” a Crognaleto;  Scuola infanzia e asilo nido “Santa Maria degli Angeli”-Paritaria, a Mosciano Sant’Angelo; Scuola elementare, Liceo Scientifico Aereonautico “G. D’Annunzio”, a Corropoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *