Ferrovia: Melilla interroga Delrio sulla Pescara-Roma

Sui lavori di sicurezza sulla linea Pescara-Roma, che hanno portatoTrenitalia alla chiusura del servizio dal 16 luglio al 3 settembre 2017, Gianni Melilla, Deputato Art.1 Mdp, ha presentato una interrogazione al Ministro dei Trasporti e Infrastrutture Delrio.

“E’ forte la preoccupazione che si tratti di una ulteriore marginalizzazione di questa relazionare ferroviaria tra l’Abruzzo e Roma – scrive Melilla -; nessuna relazione ferroviaria di importanza nazionale subisce un simile trattamento. Sino a poco tempo fa erano 12 i treni giornalieri tra Pescara e Roma, ora siamo al dimezzamento con soli 6 treni giornalieri. Grazie anche all’impegno degli utenti e della Regione Abruzzo, Trenitalia ha diminuito i tempi di percorrenza da 3 ore e 40 minuti, a 3 ore e 22 minuti, ma vi è comunque da rilevare che nel 1970 si impiegava 3 ore e 3 minuti per andare in treno (rapido) da Pescara e Roma. Il materiale rotabile risulta di scarsa qualità, vecchio e privo di servizi, da più parti si sollevano dubbi circa la temporaneità di questa scelta così penalizzante per l’Abruzzo, in considerazione della passata esperienza della relazione ferroviaria Sulmona-L’Aquila che per 10 anni, ogni anno veniva chiusa nei mesi estivi. La preoccupazione è che la relazione ferroviaria Pescara-Roma possa fare la fine della Pescara-Napoli chiusa alcuni anni fa come anche la Sulmona-Carpinone”.

Melilla chiede in conclusione, di conoscere le iniziative che Delrio intende assumere per il futuro della relazione Pescara-Roma, lavorando con Trenitalia per una non stop tra Pescara e Roma che potrebbe abbattere i tempi di percorrenza a 2 ore e 45 minuti rendendo così competitiva la ferrovia rispetto al mezzo privato e al trasposto su gomma e rilanciare così il trasporto ferroviario abruzzese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *