Violenza e sangue sulla costa abruzzese: ferito da colpo di pistola bodyguard

Da Alba Adriatica a San Salvo, nord e sud dell’Abruzzo legati insieme da violenza e sangue. L’ultimo episodio, ieri sera sul lungomare della località vastese. Un gruppo di giovani albanesi al quale era stato intimato di non frequentare lo stabilimento El Domingo nel quale si erano resi protagonisti di una rissa, ha cercato di entrare, trovando la ferma reazione dei titolari e degli uomini della sicurezza. Proteste, spintoni e poi un colpo di pistola che si è conficcato nella gamba sinistra di Walter Todisco, 33 anni, body guard. L’uomo è stato portato in ospedale a Vasto e sottoposto a intervento chirurgico per rimozione del proiettile. i carabinieri di San Salvo stanno ora cercando chi impugnava l’arma e gli altri albanesi che hanno preso parte al raid.

Ne avrà per 40 giorni. Due sere fa, ad Alba, un giovane rom, Manuel Spinelli, 22 anni, è stato accoltellato al cuore durante una rissa all’uscita dalla Taverna Wolf. Spinelli era con altri amici e la sua nuova fidanzata. Ad ucciderlo, l’ex ragazzo della giovane, Farim Koldashi, di 27 anni, ora piantonato in ospedale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *