In azione il Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Pescara

Il Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Pescara, quale Forza di Polizia avente in esclusiva le funzioni di sicurezza del mare, con alle dipendenze una Stazione Navale ed una Sezione Aerea, è chiamato ad assolvere una molteplicità di funzioni, volte alla tutela degli interessi economici e finanziari, nazionali e comunitari, talvolta compromessi da varie forme di illeciti.

In tale quadro, durante i primi 5 mesi del 2017, i Finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale hanno eseguito numerosi interventi, allo scopo di proteggere la collettività ed in particolare sono state svolte 279 missioni navali e aeree. Le principali attività svolte sono:

attività di emergenza e soccorso: nell’ambito delle calamità naturali e della emergenza di Rigopiano, sono state svolte 18 missioni di volo e soccorso impiegando gli elicotteri dello specifico reparto alla sede;

lavoro nero e/o irregolare: scoperti 11 lavoratori in nero e comminate sanzioni per un importo di € 99.000;

polizia Ambientale: controlli svolti 11; soggetti denunciati 7; sequestri effettuati 5; inoltre, sono state sottoposte a sequestro aree per 9350 mq e rifiuti pericolosi per circa 100.000 kg;

attività di tutela della concorrenza e mercato: è stata chiusa una attività di rimessaggio abusivo di natanti sul fiume Pescara;

sono state altresì comminate sanzioni amministrative per: € 133.226; I numerosi interventi conclusi dagli uomini del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara, hanno avuto luogo direttamente su tutto il territorio abruzzese nonché sulle aree demaniali e marittime, patrimonio di tutti, preceduti da specifici sopralluoghi e rilievi fotografici effettuati sia con l’impiego dei mezzi navali che aerei. Anche alla sede di Pescara, la Guardia di Finanza, con la sua componente Aeronavale, si conferma un imprescindibile strumento di presidio della collettività, per la lotta ai traffici illeciti e la tutela della legalità, e per aiuto e soccorso nei confronti dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *