Migranti, proteste da San Salvo e Penne

Nessuna forma di razzismo ma la consapevolezza che chi fugge dall’Africa non può essere aiutato con la semplice ospitalità e che questo fenomeno sta oramai esplodendo con possibili forti tensioni sociali.

Questo il senso della protesta civile per la difesa dei diritti dei cittadini e delle imprese e contro il Governo sordo alle richieste della comunità e cieco rispetto alla realtà che si è tenuta oggi a San Salvo. La manifestazione, alla quale hanno preso parte i sindaci e amministratori di di Cupello, Castiglione Messer Marino, Monteodorisio, Casalanguida, Casalbordino e Villafonsina, ha visto la partecipazione di imprenditori e commercianti. In una ex struttura alberghiera della zona industriale di San Salvo dovrebbero essere accolti 50 migranti e sette sono già arrivati. Tiziana Magnacca, sindaco della cittadina adriatica, nel corso di una conferenza stampa, ha spiegato che “il progetto ospitalità attuato dal governo nazionale è fuori da ogni controllo. Non è più un’emergenza ma è diventato un fenomeno strutturale. Quella di questa mattina non è una protesta contro queste persone che meritano tutto il n ostro rispetto, ma dobbiamo far capire che non basta partire dai loro paesi per essere accolti e poi cosa accade gli troviamo anche il lavoro, che non possiamo assicurare nemmeno  ai nostri concittadini?”. E poi ha aggiunto che si tratta di migranti economici “per quanto tempo ancora dobbiamo pagare le tasse per questo che è diventato un costo sociale elevato e non più sostenibile?».

Magnacca ha ribadito di non essere contro i migranti né contro il Prefetto “che fa solo il suo dovere di uomo dello Stato”, ma “siamo contro il governo e che consente di ospitare persone che poi ciondolano per intere giornate nelle nostre città”.

Da San Salvo a Penne. Il Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo, Lorenzo Sospiri e il Capogruppo di maggioranza della Lista ‘Per Penne’ del Comune di Penne, Emidio Camplese, sono intervenuti sul possibile arrivo 50 di ‘presunti profughi’ nella città vestina.

“Sono voci sempre più insistenti e parlano di almeno 50 presunti immigrati affidati a una delle 11 cooperative che si sono aggiudicate l’ultimo bando della Prefettura per 1.114 unità, e che dovrebbero insediarsi in un fabbricato di proprietà privata, situato in località Blanzano, a breve distanza dall’ospedale ‘San Massimo’. Ovviamente chiediamo alla Prefettura e al sindaco di confermare o meno tale notizia, che sta determinando un forte stato di agitazione e di preoccupazione tra la popolazione. In caso affermativo chiediamo al sindaco di promuovere subito una mobilitazione per guidare il ‘fronte del no’: Penne non può accogliere altri presunti profughi, una città abbandonata dalle Istituzioni, esclusa dalle misure di sostegno del cratere sismico, con un ospedale in via di chiusura, scuole crollate e strade dissestate in seguito all’emergenza maltempo dell’inverno scorso e soprattutto priva di fondi per coprire i costi inerenti la sicurezza e il controllo del territorio. Siamo pronti ad alzare barricate per difendere gli interessi del territorio vestino. Abbiamo tenuto alta la guardia, ben sapendo che almeno 3 Organismi hanno candidato Penne quale sito per ospitare parte dei 1.114 presunti profughi destinati a Pescara e provincia, ovvero la Cogecstre, la Asp 1 e la Cooperativa AGH Resort – Paly Gold di Gallipoli. Ora però le voci sono diventate ancora più insistenti e soprattutto dettagliate circa la sistemazione decisa per almeno 50 presunti profughi che dovrebbero sbarcare nella città vestina entro pochissime ore: le 50 unità dovrebbero essere sistemate all’interno di un fabbricato di proprietà privata, preso in gestione dalla AGH Resort, situato in località Blanzano, dettagli troppo precisi per non suscitare la nostra attenzione. E a questo punto i nostri interrogativi assumono una veste ufficiale e li rivolgiamo direttamente a Prefettura e sindaco, al fine di informare la cittadinanza che a oggi non sa cosa sta per accadere nel pieno centro di Penne. Innanzitutto vogliamo sapere se tale notizia corrisponde al vero, vogliamo sapere per quale data esattamente è previsto l’arrivo dei 50 presunti profughi, e da quali Paesi arrivano, ovvero se fuggono dalla guerra o se piuttosto, come nella maggior parte dei casi, fuggono dalla povertà. Se l’indiscrezione dovesse essere confermata – hanno proseguito i Capigruppo Sospiri e Camplese – ovviamente chiediamo al sindaco di fermare l’intera procedura con effetto immediato perché Penne non può sopportare un ulteriore onere che inevitabilmente avrà conseguenze ed effetti sul tessuto sociale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *