Lanciano, apre l’università telematica italiana UniNettuno

Unica in Abruzzo e una delle tre della fascia Adriatica con le sedi di Fasano (Puglia) e Fermo (Marche); oltre 20 corsi di studio; è l’Ateneo on line più grande d’Italia, che conta più 15.000 studenti. A partire dal prossimo mese di settembre Lanciano sarà sede d’esame dell’università telematica italiana, la UniNettuno di Roma, punto di riferimento di un’area estesa tra il sud delle Marche e il nord della Puglia. L’accordo è lo straordinario risultato non solo per Lanciano ma per l’intera Regione Abruzzo ed è frutto dell’encomiabile lavoro del Consorzio Universitario e della Fondazione Its, diretti da Gianni Orecchioni e Gilberto Candeloro.

L’unità di intenti con l’Amministrazione comunale ha permesso il conseguimento di questo obiettivo strategico, fondamentale, per la città e il comprensorio Frentano, con la firma della convenzione avvenuta a giugno. Martedì 1° agosto una delegazione dell’Università telematica internazionale UniNettuno ha visitato i locali di Palazzo degli Studi in Corso Trento e Trieste che verranno destinati ad ospitare l’Ateneo. I delegati hanno espresso grande soddisfazione per la centralità e il prestigio della sede, oltre che per l’idoneità dei locali ad ospitare l’università, che già a partire da settembre sarà in grado di offrire agli studenti abruzzesi un Polo Tecnologico. Sei le facoltà, con possibilità concreta per tutti coloro che vorranno frequentare i corsi di poter sostenre gli esami nella sede di Lanciano. I primi a poter godere di questa straordinaria opportunità saranno gli studenti diplomati ITS che già si sono iscritti al corso di Ingegneria Gestionale; a settembre, la convenzione per l’apertura di un Polo Tecnologico sarà presentata più diffusamente in una prossima conferenza stampa e in un incontro pubblico alla presenza del Rettore dell’UniNettuno, Maria Amata Garito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *