Appuntamenti in Abruzzo

Venticinque sale audio per ascoltare e confrontare la musica riprodotta dai migliori brand audio e video, ospiti internazionali, progettisti, brand ambassador in rappresentanza dei più famosi costruttori mondiali, eleganti spazi espositivi non suonanti ed una speciale aerea riservata al car audio: tutto questo sarà Sintonie High_End Video Exhibition che si terrà al Palacongressi di Rimini il 22 e il 23 settembre. La ventesima edizione della rassegna nazionale di HiFi avrà inoltre come testimonial d’eccezione il cantautore Fabio Concato che, insieme a Paolo Di Sabatino, presenterà il suo ultimo lavoro discografico “Gigi”. Sintonie High-End Video Exhibition si è attestata negli ultimi anni come la più riconosciuta iniziativa nel settore hi-fi in tutta Italia. E’ un evento ideato e organizzato dall’associazione Aspam con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, Comune di Rimini e Regione Abruzzo che raggiunge quest’anno un traguardo importante che verrà festeggiato con i più prestigiosi espositori nazionali e internazionali del settore high-end, sempre con un occhio di riguardo ai distributori, gli unici ad esporre nelle sale d’ascolto, una scelta questa che ha sempre caratterizzato l’immagine dell’evento. In più quest’anno saranno presenti numerosi brand ambassador internazionali in rappresentanza dei più noti marchi dell’alta fedeltà. Dopo diciannove edizioni, oltre venticinquemila visitatori e ospiti come Enrico Rava, Gianmaria Testa, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso e Peppe Servillo, la più nota iniziativa di promozione dell’hi-fi in Italia presenterà, come di consueto, le anteprime più ricercate dei prodotti hi-fi che si sposeranno con l’eleganza del  Palacongressi in due giornate che promettono grandi novità a partire dall’esposizione. Al pian terreno, in un’area ampia e luminosa, saranno allestiti eleganti spazi espositivi audio e video, mentre il primo piano sarà riservato all’allestimento di sistemi hi-fi in esclusive e spaziose sale d’ascolto trattate acusticamente dai migliori ingegneri del settore. Per la prima volta Sintonie sarà anche l’opportunità per gli appassionati del video e dell’home entertainment di poter vedere, ascoltare e toccare con mano le ultime novità  sul mercato. E in un momento storico in cui si assiste da un lato all’estrema evoluzione tecnologica delle attrezzature applicata anche alla musica riprodotta e dall’altro al ritorno a vecchi metodi di ascolto come il disco in vinile, Sintonie raccoglie entrambe le tendenze proponendo le ultime novità sul mercato dell’alta fedeltà e insieme l’opportunità di ascoltare un vinile, magari proprio “Gigi” di Fabio Concato, in una sala d’ascolto. L’evento sarà aperto al pubblico sia venerdì 22 che sabato 23 settembre dalle 10 alle 19. L’ingresso sarà gratuito.

VI edizione de “La Valigia di Cartone” premiati Marcello Maviglia e Vincent Scarza

Lo splendido scenario del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga ha accolto l’11 agosto 2017 la VI edizione del Premio “La Valigia di Cartone” dedicata a italiani che hanno dato lustro, con la loro operosità, alle Comunità che li hanno accolto nel Mondo. La manifestazione promossa dall’Amministrazione Comunale di Castel del Monte (splendido borgo situato  nella parte meridionale del massiccio del  Gran Sasso, in posizione panoramica sulla Valle del fiume Tirino), ha assegnato  i riconoscimenti a chi “ha saputo offrire un contributo alla valorizzazione e alla riscoperta dell’italianità nel Mondo” alla   presenza del Sindaco di Castel del Monte Luciano Mucciante, dell’Assessore Caterina Bernardoni e di Geremia Mancini, coordinatore dell’evento. La “Valigia di Cartone” 2017 (in ricordo del bagaglio povero utilizzato dalla stragrande maggioranza degli emigranti in partenza nel secondo dopoguerra) è andato al professor Marcello Maviglia, psichiatra ad Albuquerque e autore di una ricerca sul trauma storico subito dai Nativi americani, a Vincent Scarza, nato a Philadelphia e regista e produttore di programmi televisivi (molti ricorderanno il primo concerto globale LIVE AID for Africa) , opere teatrali (soprattutto nell’ambito della lirica) e in ambito cinematografico, a Veronica Pace – regista ed autrice de “I Love Litaglia”-, al pittore Gino Berardi, al giornalista Maurizio Di Fazio (L’Espresso) e agli autori del libro ”Abruzzo Stars&Stripes” (Generoso D’Agnese, Geremia D’Agnese, Dom Serafini) incentrato sulle radici dell’emigrazione abruzzese negli Stati Uniti. Mario Daniele, console onorario italiano a Rochester (New York) e imprenditore affermato nel campo della ristorazione e delle costruzioni, ha portato il saluto della comunità italo-americana a una platea che ha ascoltato con grande attenzione gli interventi dei premiati. Il premio “La Valigia di Cartone”, giunto alla sesta edizione, si è saputo infatti guadagnare un importante spazio nell’alveo delle iniziative culturali dedicate agli italiani nel Mondo grazie anche all’infaticabile impegno di Geremia Mancini, presidente onorario dell’Associazione Ambasciatori della Fame, che da anni si batte per il recupero della memoria del lavoro italiano nel Mondo. L’edizione 2017 ha visto in Marcello Maviglia una delle punte di diamante del premio. A Castel del Monte, il professore nato ad Avezzano e residente ad Albuquerque in Nuovo Messico, ha visto riconosciute le sue straordinarie capacità di luminare della psichiatria arricchita dalla passione per la ricerca sul campo e incentrata sul trauma storico subito dai Nativi Americani. L’estate 2017 ha visto però Maviglia protagonista anche nel cuore del Parco Nazionale della Majella: nel piccolo borgo di Abbateggio da 20 anni si svolge infatti il Premio Parco Majella, incentrato sugli scrittori che dedicano il loro talento all’Ambiente e alla salvaguardia della Natura. In tale ambito, il professore Maviglia ha ottenuto il premio speciale conferito dall’associazione Alle Falde della Majella, per il suo articolo  “Il trattamento del trauma Storico tramite attivismo ecologico e pratiche culturali” pubblicato dalla Rivista psychiatryonline. Due importantissimi riconoscimenti scientifico-culturali per un medico che da molti anni ha deciso di dividere il suo tempo tra  impegno clinico e ricerche antropologiche. Marcello Maviglia si è laureato in medicina e ha deciso di specializzarsi in psichiatria presso la New York State University di Buffalo. Il suo percorso professionale lo ha portato a una nuova specializzazione in tossicodipendenze presso la Case Riserve University di Cleveland e, infine, al perfezionamento professionale in medicina forense e nella gestione della qualità del servizio sanitario. Il Master in Pubblic Health completa un quadro professionale che fa di Maviglia uno dei più autorevoli esperti americani nello studio del danno psicologico e fisico. Professore nel dipartimento di base presso l’Università del New Mexico, Marcello Maviglia lavora oggi ad Albuquerque presso il Molina Healthcare e a stretto contatto con il Center for Native American Health, condividendo i suoi studi sul trauma storico con un gruppo di ricercatori nativi americani. Sposatosi con Tassy Parker, sociologa nativa americana (Tassy appartiene alla nazione Seneca, una delle sei sorelle della confederazione irochese), Maviglia ha attinto proprio al ricco humus della storia nativa la propria ispirazione per il lavoro di ricerca. Il professore ha inoltre partecipato al progetto di ricerca nel campo della tossicodipendenza e a uno studio sulla Fas (Fetal Alcohol Sindrome) in collaborazione con il dipartimento di Alcologia, guidato da Mauro Ceccanti dell’Università La Sapienza di Roma.

La Compagnia Murè alla 20° edizione del festival nazionale “L’Ultima Luna d’Estate”

La compagnia MURE’ TEATRO di Pescara parteciperà al festival “L’ULTIMA LUNA D’ESTATE 2017” con lo spettacolo “LUPO IN-CANTO”. Il racconto teatrale in musica sulle storie di uomini e di lupi  sarà ospite dello storico festival teatrale nazionale “L’ULTIMA LUNA D’ESTATE”, quest’anno giunto alla sua 20° edizione. Il Festival, organizzato dalla compagnia Teatro Invito nel cuore verde del Parco del Curone e delle colline della Brianza,  negli anni ha ospitato grandi artisti della scena teatrale italiana come Marco Baliani, Ascanio Celestini, Gabriele Vacis, Marco Paolini, Moni Ovadia, Giuliano Scabia, Eugenio Allegri e molti altri. Lo spettacolo “LUPO IN-CANTO | storie di uomini e di lupi”, interpretato da MARCELLO SACERDOTE e musicato dal vivo da FLAVIA MASSIMO (voce e violoncello), sarà rappresentato sabato 2 settembre alle ore 18:30 presso il Parco Verde di Lomagna (LC). “LUPO IN-CANTO | storie di uomini e di lupi” racconto teatrale in musica liberamente tratto dal libro “L’INCANTESIMO DEL LUPO” di Adriana Gandolfi e altri materiali della tradizione popolare abruzzese. Uno spettacolo con musica dal vivo, fatto di racconti, suoni e canti,  per restituire uno sguardo autentico sulla figura del lupo e sul suo rapporto con l’uomo. Tra realtà e folclore, tra storia e poesia, il racconto di un legame ancestrale, quello uomo-lupo, pieno di fascino e mistero come anche di conflitti e contraddizioni. Sin dall’inizio dei tempi, infatti,  il lupo è stato sempre visto come il possibile alter-ego dell’uomo, il quale lo ammirava, ne imitava persino le qualità,  considerandolo al contempo come un nemico da cui difendersi e, spesso, anche da sterminare.