San Vito Chietino, istituito l’albo della “Cittadinanza attiva”

Donare la propria disponibilità per lo svolgimento di attività in favore della collettività. È l’opportunità offerta dal Comune di San Vito Chietino agli abitanti del centro costiero con l’istituzione dell’albo della “Cittadinanza attiva”, nel quale singoli cittadini possono iscriversi.

Ma vediamo nei dettagli in cosa consiste questa iniziativa avviata dall’Amministrazione comunale sanvitese guidata dal sindaco Emiliano Bozzelli. Il servizio di Cittadinanza attiva è una forma di volontariato civico, svolto da cittadini in forma volontaria e gratuita, non retribuito in alcun modo neppure da un eventuale beneficiario singolarmente individuabile e investe in particolare le attività di pubblico interesse di competenza dell’Amministrazione comunale.

Le attività che ogni singolo cittadino può svolgere rivestono carattere occasionale, non creano alcun vincolo organico col Comune o obbligo prestazionale, ferma restando l’osservanza delle disposizioni impartite. Si integrano, senza sostituirli, con i servizi resi attraverso soggetti del terzo settore che si inseriscono in modo meramente complementare e di ausilio nell’azione del Comune, senza poter supplire a rimediabili carenze di organico.

Il servizio non darà mai luogo ad obbligo giuridico di corrispettivo per l’attività resa, né ad esercizio di poteri repressivi o impositivi da parte del Comune diversi dalla cancellazione dall’Albo. L’Amministrazione comunale non può in alcun modo avvalersi dei cittadini attivi per servizi che possano comportare rischi evidenti.

Chi intende iscriversi all’albo della “Cittadinanza attiva” deve necessariamente compilare un modulo reperibile presso gli uffici del municipio, oppure sul sito internet dell’Ente www.comunesanvitochietino.gov.it.

I settori dove è possibile collaborare sono quattro: sportivo-ricreativo-culturale, civile-patrimoniale, istituzionale-gestionale-sicurezza e sociale-educativo.