Rubato il gattino dell’abbazia di San Giovanni in Venere

Rubato il gattino dell’abbazia di San Giovanni in Venere. Il messaggio è stato lanciato qualche ora fa su Facebook da padre Tito Paolo Zecca della comunità religiosa dei passionisti, amante degli amici a quattro zampe ed in particolare dei piccoli felini. Il micio di sei mesi e di indole mite e socievole, che spesso gironzolava intorno al complesso abbaziale, è stato sicuramente prelevato da ignoti domenica 1 ottobre. Da quel momento la sorellina non si ciba più e si lamenta di continuo. «Chi avesse portato via il gattino – ha detto amareggiato padre Tito – è pregato vivamente di riportarlo al più presto in abbazia, luogo dove è nato ed è accudito con tanto affetto». Ci auguriamo quindi che l’autore del riprovevole gesto risponda all’appello del padre passionista riportando il micio nel convento nel più breve tempo possibile.