41 bis efficacia e limiti al centro del VI seminario di criminologia di Sulmona

Vasta eco sta avendo il contenuto della circolare appena varata dall’amministrazione penitenziaria sulla gestione del regime di cui al 41bis dai più meglio conosciuto con il termine di carcere duro. Così come grande enfasi si è andata costruendo attorno alla storia dell’ex detenuto ‘ndranghetista ‘eletto’ a  presunto neo coordinatore del servizio di vigilanza del comune di Sulmona”. 

Ad affermarlo è Mauro Nardella Project manager del VI seminario di criminologia città di Sulmona e Molina Aterno, che si terrà nei giorni 9 e 10 novembre.

“A fare chiarezza su aspetti chiaramente bisognosi di approfondimento ci penseranno gli illustri ospiti che parteciperanno ai lavori del seminario su “41 bis efficacia e limiti: certezza della pena e tutela della memoria delle vittime del dovere” – tiene a sottolineare Nardella-. A dir la verità si fa sempre più interessante l’attesa poiché, neanche a farla apposta, da quando si è deciso di dedicare i lavori di quest’anno ad un tema così delicato molto si è mosso in questa direzione elevando a mille la curiosità su queste scottanti tematiche. Le critiche piovute sul metodo da utilizzare per arginare il contatto tra i boss dei vari sodalizi criminali tra i più pericolosi con il mondo esterno e che ha visto il suo culmine in un articolo a firma di Nando Dalla Chiesa, saranno quindi elaborate ed approfondite nella due giorni di studi sulmonese. Proprio per l’interesse suscitato e la necessità di non lasciare nulla al caso si è deciso di lavorare di comune accordo con l’Università di Chieti e Pescara la quale, nella persona del Professor Gianmarco Cifaldi, metterà su un interessante workshop al quale parteciperanno illustri docenti universitari italiani e non. Non è altresì un caso il fatto che per l’occasione sono stati invitati ad accreditarsi molti gli ordini professionali più vicini alla tematica che si andrà ad affrontare. Tra questi quelli degli avvocati, dei giornalisti, degli Assistenti sociali e degli Psicologi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *