Fauna selvatica: la Regione dovrà risarcire i danni subiti dalle auto

L’Avv. Michele Accettella, col proprio studio in Francavilla al Mare, è da anni impegnato in materia di risarcimento per danni da sinistro stradale derivanti da fauna selvatica, in particolare cinghiali.

Insieme ai colleghi Angelo Manzi e Alderico Di Giovanni del foro di Lanciano, ha ottenuto numerose sentenze favorevoli dei vari Giudici di Pace del territorio abruzzese che hanno condannato la Regione Abruzzo a risarcire i danni subiti alle autovetture degli incidentati.

Da ultimo ha ottenuto altri importanti risultati, vincendo due appelli presso il Tribunale de L’Aquila, che hanno confermato le sentenze di primo grado e che costituiscono un precedente quasi unico in materia.

“Queste pronunce sono importantissime perché, oltre a ribadire il principio, riconosciuto ormai dalla giurisprudenza maggioritaria, della responsabilità della Regione quale Ente preposto al controllo della fauna selvatica, entrano nel merito della questione, statuendo l’avvenuta prova di tutti gli elementi costitutivi dell’illecito aquilano ex art. 2043 c.c., applicabile in materia di danni da fauna. Infatti, si fa riferimento a comportamenti colposi dell’Ente per aver omesso attività di controllo, come, ad esempio, cartelli, dissuasori e recinzioni, soprattutto in tratti di strada dove erano frequenti attraversamenti di cinghiali, essendosi verificati, tra l’altro, incidenti della stessa natura in passato; quanto al nesso di causalità tra il comportamento colposo della Regione e l’evento dannoso, anche quest’ultimo aspetto risulta pienamente riconosciuto per essere stata fornita la prova del comportamento diligente dei conducenti, i quali hanno agito nel pieno rispetto del codice della strada e, quindi, oltre ad essere esenti da colpe, si sono trovati di fronte alla inevitabilità dell’evento”.