La geologia del Parco Majella protagonista della Settimana della Terra

La geologia, nei suoi diversi aspetti e curiosità, al centro dei geoeventi proposti dal Parco Nazionale della Majella nei giorni scorsi in occasione della Settimana del Pianeta Terra e delle Geoscienze 2017.

Attraverso diversi appuntamenti, che hanno coinvolto professionisti e semplici appassionati della montagna, l’Ente Parco ha proposto alcuni itinerari che hanno permesso, soprattutto a geologi, di visitare zone, passeggiate che sono state valide come corsi di formazione per l’ottenimento dei crediti di aggiornamento professionale continuo.

La visita a Lettopalena

Tutto ciò per sostenere la candidatura a Geoparco dell’UNESCO presentata lo scorso maggio, come primo step del percorso di riconoscimento, alla Commissione Nazionale Rete Mondiale Geoparchi ed ora portata avanti insieme al Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Un titolo che, in caso di esito positivo, contribuirà a far rientrare le bellezze geologiche della nostra Maiella nella rete mondiale Unesco con ricadute importanti anche a livello socio-economico.

In questo contesto, domenica 22 ottobre, è stata proposta la giornata  delle “Miniere della Majella. Durante la passeggiata, gli interventi della geologa del Parco, Elena Liberatoscioli, di Silvano Agostini della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio (SABAP) e degli esperti del GRAIM (Gruppo Ricerche di Archeologia Industriale della Maiella), sono stati incentrati sulla candidatura a Geoparco e sull’importanza della valorizzazione del territorio a fini geoturistici, sugli aspetti geologici dell’area e sulla ricchezza di rocce asfaltifere e bituminose, nonché sulla storia dell’estrazione di tali sostanze minerali dalla metà dell’Ottocento agli anni ’60 del secolo scorso. In realtà il bitume della zona era conosciuto e utilizzato anche dai Romani, come testimonia un “panetto” con bollo lineare del I sec. d.C. conservato al museo della Civitella di Chieti, e, come rivela Agostini ai partecipanti, addirittura dal Neolitico. Un saluto è stato portato dal sindaco di Roccamorice, Alessandro D’Ascanio, il quale, esperto del passato industriale locale, ha inquadrato le vicende narrate nel quadro politico e sociale dell’epoca.

Il giorno prima, 21 ottobre, il Parco è stato a Sant’Eufemia a coadiuvare la SABAP per il geoevento “Una finestra sulla Majella: il geosito di Roccacaramanico”, complice la bella giornata e una Maiella splendidamente vestita d’autunno. Sotto la guida dei geologi dei due enti e con l’ausilio di materiale didattico, le formazioni geologiche sono state spiegate nella panoramica piazza di Roccacaramanico, Piazza Callarone. Lo spuntone roccioso che svetta sull’abitato è un importante geosito: per i geologi “Conglomerato di Roccacaramanico”, per i locali semplicemente “Roccione”. Nel pomeriggio i partecipanti hanno potuto visitare gratuitamente il Giardino Botanico D. Brescia guidati da Maria Peroni dell’Ente Parco.

Ma gli eventi della Settimana del Pianeta Terra al Parco erano già iniziati il 15 ottobre quando Adele Garzarella, geologa e paleontologa, sul versante orientale della Maiella fra Taranta Peligna e Palena, ha raccontato come la geologia dell’area ha condizionato i fatti bellici nel 1943-1944 lungo la Linea Gustav. È stata l’occasione per conoscere la vecchia Lettopalena, distrutta dai bombardamenti. Sul Ponte di Lettopalena, i partecipanti hanno potuto appezzare, oltre ad una splendida vista sul Fiume Aventino, anche il singolare motivo decorativo del grosso masso che chiude la Nicchia di Sant’Antonio, che altro non sono che “impronte di fondo” ossia segni del passaggio di una corrente sul fondo di un antico mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *