Concerto del soprano Lusine Tishinyan a Casalbordino per salvare la Honeywell

Tanta bella musica e intense emozioni ieri sera nell’auditorium comunale di Casalbordino “Tito Molisani”, dove il bravissimo soprano lirico di origini russe Lusine Tishinyan ha rallegrato il pubblico presente con brani di musica popolare e napoletana. La cantante è stata accompagnata al piano dall’altrettanto brava Mila Belousova. Lusine Tishinyan è laureata all’Accademia dell’Arte di Mosca e al conservatorio “Luisa d’Annunzio” di Pescara. Ha Iniziato la sua carriera a Mosca nel musical di Broadway e si è poi trasferita nel nostro Paese proprio per la sua passione per l’opera italiana. Attualmente si esibisce in opere e concerti in tutto l’Abruzzo. Mila Belousova ha invece conseguito la laurea in pianoforte classico e svolge da tre anni il ruolo di pianista accompagnatore presso il conservatorio Luisa d’annunzio. Attualmente è impegnata nel corso specialistico di maestro collaboratore sostenuto dal teatro lirico presso il conservatorio sotto la guida del prof. Marco Moresco. Nel 2012 ha fondato l’associazione “Voci d’Arte”, della quale ha assunto l’incarico di presidente. L’iniziativa di ieri sera, promossa dal Comune di Casalbordino e dall’associazione “Salviamo la Honeywell”, ha avuto un fine nobile, quello cioè di raccogliere fondi a sostegno degli operai della fabbrica, in sciopero ormai da oltre quaranta giorni, che si stanno battendo contro la chiusura dello stabilimento situato in Val di Sangro. Sul palco, oltre al sindaco Filippo Marinucci, è intervenuto un giovane ingegnere della Honeywell in rappresentanza dei lavoratori che, dopo aver messo in risalto l’importanza del colosso americano in Val di Sangro, ha sottolineato la drammaticità per il futuro degli oltre quattrocento operai che potrebbero rimanere senza lavoro se lo stabilimento dovesse decidere di chiudere definitivamente i battenti nel nostro territorio.