A San Salvo illustrate le ultime novità sul SIT

L’Associazione dei Comuni del Comprensorio Trigno Sinello chiama a raccolta tutti i tecnici liberi professionisti della Provincia di Chieti per illustrare le ultime novità relative al SIT (acronimo di Sistema Informativo Territoriale), per un nuovo modo di pianificare. L’incontro, il cui tema era “Sistema Informativo Territoriale e proposta di legge regionale sul governo, la tutela e l’uso del territorio”, si è svolto ieri a San Salvo, presso la sala conferenze del Gabri Park Hotel alla presenza di un gremito numero di geometri, ingegneri, architetti e geologi. Dopo i saluti di Tiziana Magnacca e Aldo D’Ambrosio, rispettivamente presidente e responsabile dell’Associazione tra Enti Locali del Trigno Sinello, Donato Di Matteo, assessore all’urbanistica della Regione Abruzzo, e Luciano Lapenna, presidente Anci Abruzzo, si sono susseguiti i puntuali interventi dei vari relatori. Tra questi Massimo Staniscia, Bruno Celupica, Paolo Urbani e Stefano Monteferrante. Ma cos’è in pratica il SIT? Nato come strumento di supporto ai Comuni, il Sistema Informativo Territoriale è stato realizzato dall’Associazione per facilitare l’accesso e la consultazione di cartografie, dati catastali, piani urbanistici locali, settoriali e territoriali. Il SIT è in pratica il prodotto dell’incrocio di diverse banche dati, tra cui dati catastali, anagrafica tributaria, i vari piani regolatoti comunali e toponomastica. Esso rappresenta una banca dati unica contenente tutte le informazioni relative ai singoli immobili e singoli cittadini. Il SIT si presenta quindi come un utile strumento ai fini dell’attuazione delle nuove politiche di fiscalità locale e pianificazioni territoriali. Previa registrazione sul sito è possibile accedere a tutte le informazioni territoriali e di pianificazione locale e sovra territoriale. Insomma un servizio innovativo reso disponibile gratuitamente grazie alla cooperazione operativa tra Associazione, Comuni ed Enti territorialmente competenti ed è rivolto ai dipendenti della pubblica amministrazione, alle imprese, ai liberi professionisti e ai cittadini.