Omicidio Grimount a Bomba, assolto il nipote

La perizia ha escluso categoricamente ogni responsabilità Emilio Teti, 43 anni, di Bomba, l’uomo arrestato nel 2015 per l’omicidio della nonna Eliane Grimount, deceduta nel centro della Val di Sangro, che oggi è stato assolto perché il fatto non sussiste. Teti era stato arrestato perché sul corpo dell’anziana erano presenti ematomi. Eliane era stata ricoverata in ospedale e si era spenta poche ore dopo. La conseguente perizia disposta dalla Procura di Lanciano confermò la compatibilità della morte con le percosse e i sospetti caddero sul nipote che l’accudiva, che fu arrestato nell’ottobre 2015 e rimase in carcere per 15 mesi. Una successiva perizia, però, eseguita dal consulente tecnico d’ufficio e affidata al medico legale Cristian D’Ovidio, portò ad altri risultati, stabilendo che il decesso della Grimount era sopraggiunto per una insufficienza cardiaca acuta. L’anziana era in grave stato di malnutrizione. Risultato che oggi ha avuto il suo peso nella decisione assunta in udienza con rito abbreviato dal Gup di Lanciano, Marina Valente. Per l’assoluzione si è pronunciato anche il pm Serena Rossi. Teti è stato difeso dall’avvocato Massimiliano Piacentino Sichetti.