Caso Renata Rapposelli: Ris e consulenti a caccia di prove

Ieri il nuovo esame del medico legale Antonio Tombolini sul cadavere di Renata Rapposelli; oggi, l’affidamento della lettura dei dati del computer (analisi dei contenuti e delle ricerche online) della 64enne originaria di Chieti, prelevato nella sua casa della pittrice di via della Pescheria, incarico affidato all’analista forense Luca Russo; domani, invece, nuovi accertamenti dei Ris sulla Fiat 600 (già passata al setaccio 4 volte nelle ultime settimane) sulla quale, il 9 ottobre scorso, Renata sarebbe stata accompagnata dall’ex marito, Giuseppe Santoleri, a Loreto.

Sono queste le ultime novità sulle indagini avviate per far luce sulla morte della Rapposelli, la donna scomparsa appunto il 9 ottobre scorso dopo una visita all’ex marito e al figlio a Giulianova, e ritrovata morta in un dirupo, in riva al fiume Chienti, a Tolentino, il 10 novembre.

Si cercano sempre nuovi elementi per capire la fine di Renata, uccisa o morta per una caduta.

Il medico legale Tombolini, come si accennava, ieri, su disposizione della Procura di Ancona, ha eseguito nuovi prelievi sui resti del corpo. Si cercano riscontri, tracce che possano confermare il suo viaggio nell’auto del marito Giuseppe Santoleri. Lui e il figlio Simone sono indagati per omicidio e occultamento di cadavere. Domani, i carabinieri dei Reparti Investigazioni Scientifiche, avranno il compito di faranno rilievi sull’utilitaria. Le attenzioni si concentreranno sul bagagliaio delle Fiat 600 e sui pneumatici. Si cercheranno, in sostanza, tracce di terremo compatibili con quelle della radura di Tolentino. Inoltre, sempre domani, alla presenza dei legali della difesa, sarà fatto un nuovo sopralluogo per prelevare terriccio e vegetazione nella zona in cui è stata rinvenuta Roberta. alla presenza dei legali della difesa.

Intanto ad Ancona si fa sempre più accreditata la voce secondo la quale la difesa dei Santoleri, avrebbe chiesto la consulenza Ezio Denti, investigatore e criminologo forense, di origini teramane, noto per essere che è stato consulente nei casi di Yara Gambirasio ed Elena Ceste.

Giuseppe Santoleri, ex marito di Renata, è ancora ricoverato nel reparto di rianimazione di Atri. L’uomo ha tentato di uccidersi ingerendo psicofarmaci il 12 novembre, sconfortato dalla notizia del ritrovamento della moglie lungo il Chienti, a Tolentino. Le sue condizioni sono ancora gravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *