Penne CulTurMedia nazionale, un docufilm per lanciare la Green economy dell’area Vestina

Il prossimo 1° dicembre alle ore 17,30, in occasione delle iniziative avviate a Penne per i 30 anni della Riserva Naturale Lago di Penne, verra presentato al pubblico il docufilm di Fernando Di Fabrizio “Le palestre di roccia – le falesie del Gran Sasso meridionale dall’alpinismo all’arrampicata sportiva”.

Con immagini spettacolari riprese da speciali droni e camere ad alta definizione si mostrano scene inedite di arrampicate sulle falesie di Villa Celiera, Montebello di Bertona, Farindola ed Arsita, piccoli centri montani del cratere sismico. Si racconta inoltre, l’evoluzione dell’alpinismo dagli anni ’70 ai nostri giorni considerando anche il cambiamento di tecniche, materiali e stili. Con interviste ai numerosi protagonisti, alpinisti e climber, si traccia un percorso cronologico degli ultimi 40 anni della storia alpinistica del Gran Sasso. Si ritiene che la ripresa economica di un’area in difficoltà possa ripartire da nuove idee nell’ambito culturale, sportivo e turistico. I beni immateriali, infatti, sono recentemente considerati e tutelati dall’Unesco. Il primo sito in Abruzzo tutelato da questa importante associazione è stato la faggeta vetusta del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. Le palestre di roccia, le praterie e i boschi del Parco, i sentieri e i numerosi percorsi ciclabili ed escursionistici rappresentano la vera ricchezza del territorio in grado di attirare numerosi visitatori che possono contribuire all’affermazione di una nuova Green economy. Prima del documentario il forum “Il turismo responsabile nell’area vestina” affronterà il tema della ripresa turistica devastata dagli effetti mediatici negativi dell’albergo di Rigopiano distrutto dalla valanga e dalle continue scosse sismiche. Nel CEA A. Bellini di Penne, sede dell’AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile) parteciperanno i sindaci dei comuni interessati, il vicepresidente della Regione Abruzzo Giovanni Lolli, l’assessore ai parchi Donato Di Matteo, gli esperti di turismo Giancarlo Zappacosta, Mimmo Francomano, Gino Perini e Alessandro Marucci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *