Gli studenti si misurano con il progetto “Mai più senza” etica e solidarietà

L’Alessandrini si prepara a due giorni particolarmente impegnativi. Nel corso delle 48 ore, infatti, gli studenti del rinomato istituto d’istruzione superiore della città rivierasca, terza per numero di abitanti in Abruzzo, incontra le istituzioni e discute, prima su accoglienza e emergenza abitativa e, poi, su Etica e finanza. A dare ulteriore risalto all’appuntamento, la presenza del sindaco Francesco Maragno e di Antonio Farchione, capo dello staff, e curatore degli SPRAR di Montesilvano che, con Mauro Orsini, consigliere del Comune di Montesilvano e presidente della commissione dei lavori pubblici, dialogheranno, il prossimo 22 gennaio gli alunni delle classi terza A AFM e terza A SIA, nella biblioteca dell’IIS Alessandrini, per valutare la proposta di conciliazione del diritto di proprietà e del diritto di abitazione con la mediazione dell’istituzione cittadina avanzata dagli allievi dell’Alessandrini.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle attività tese a realizzare il progetto di SERVICE LEARNING – patrocinato dall’USR Abruzzo – “:::Mai più senza…”, che indaga sulla contraddizione tra emergenza abitativa e presenza di abitazioni vuote nel territorio di Montesilvano ed a proporre una soluzione sulla base delle competenze maturate con lo studio del diritto e dell’economia politica”.

Qualche giorno dopo e, per l’esattezza, il giorno 24 gennaio gli studenti delle classi terza A AFM e terza A SIA e V A AFM, nell’Aula Magna dell’IIS Alessandrini, con Gennaro Castorani, presidente delle socie e dei soci di Banca Etica affronteranno l’eterna disputa tra etica e finanza. Con la guida dell’esperto dirigente , i ragazzi percorreranno il labirinto di alcune operazioni finanziarie (derivati, Credit Default Swap…) e le loro implicazioni sul costo delle materie prime, sul traffico mondiale di armi, sui cambiamenti climatici, sui rating degli Stati. L’obiettivo, qui, é piuttosto esplicito: un’educazione finanziaria consapevole può aiutare a comprendere le cause effettive di squilibri economici sempre più marcati e di fenomeni come povertà e migrazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *