Operazione della Finanza nel chietino: scoperta attività illecita di autodemolizione

I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Chieti hanno scoperto nei pressi dei Comuni di Canosa Sannita e Orsogna attività illecite nel settore della rottamazione di autovetture, tutte riconducibili ad un unico soggetto. Le indagini hanno permesso di individuare disseminati su una vasta area numerosi mezzi tra autoveicoli, motoveicoli, macchine agricole e parti di essi in palese stato di abbandono, nonché numerosi rifiuti, alcuni dei quali classificati come pericolosi. Inoltre, all’interno di un capannone dove veniva svolta l’attività di rottamazione sono state rinvenute – accuratamente occultate – numerose targhe di autoveicoli alcune delle quali riconducibili ad automobili oggetto di furto.

Le successive indagini in materia di polizia ambientale e di polizia tributaria consentivano di rilevare la presenza di 146 tra autoveicoli, motoveicoli e macchine agricole, 89 targhe di autoveicoli, 7 carte di circolazione e 4 certificati di proprietà.

L’esito dei controlli e accertamenti fiscali permetteva di rilevare elementi positivi di reddito non dichiarati per complessivi   € 1.154.069,71 e l’emissione di fatture relative ad operazioni soggettivamente inesistenti.

Veniva, inoltre, avviato anche un controllo diretto al contrasto dell’impiego di manodopera irregolare che consentiva di individuare a carico di una società l’utilizzo di un lavoratore “in nero” con mansioni di lamierista/carrozziere.

Infine, gli ulteriori accertamenti effettuati sulle targhe sequestrate in sede di accesso, mediante interrogazioni alle banche dati in uso al Corpo ed all’attività esterna presso i competenti Uffici (Provincia, Ufficio Aci – Pra e Motorizzazione Civile), permettevano di constatare che cartolarmente gli autoveicoli risultavano ancora circolanti e, pertanto, l’attività di servizio veniva orientata alla ricerca dei responsabili per il mancato pagamento della tassa di proprietà e per la mancata rottamazione e/o abbandono.

L’esito dei riscontri premetteva di segnalare all’A.G. di Chieti un soggetto per ricettazione (art. 648 c.p.), emissione di fatture per operazioni inesistenti, illecita attività di smaltimento rifiuti. Sono state irrogate sanzioni amministrative per Euro 1.175.000,00 relative a n. 235 contestazioni per violazioni alla normativa ambientale ed, infine, recuperati bolli auto non corrisposti alla regione Abruzzo e relative sanzioni per complessivi Euro 870.032,00.

La complessiva operazione di servizio rappresenta un significativo esempio dell’azione trasversale e dell’impegno profuso dalle Fiamme Gialle nella repressione dei fenomeni illeciti dell’economia sommersa a garanzia del sistema imprenditoriale sano del paese, nonché della stessa salute e sicurezza dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *