Enrico Di Giuseppantonio: “La mia candidatura riavvicina la politica alla gente”

“La lista Noi con l’Italia–UDC vuole scrivere una nuova pagina nella nostra regione, per e con gli abruzzesi, che per noi sono sempre al primo posto”.

E’ quanto dichiarato ieri da Enrico Di Giuseppantonio, candidato nel Collegio Uninominale Abruzzo 5, Vasto-Lanciano-Ortona e nel proporzionale alla Camera dei Deputati nel Collegio Chieti-Pescarae zona di Sulmona  nel suo intervento al Comitato Regionale del partito di Lorenzo Cesa, che si sono svolti presso l’hotel Iacone, a Chieti Scalo per l’avvio della campagna elettorale.

Al comitato  hanno preso parte lo stesso Di Giuseppantonio, che ricopre il ruolo di Segretario  Regionale dell’UDC, i segretari provincialidi Chieti, Andrea Buracchio, di Pescara, Valter Cozzi, de L’ Aquila, Lino Cipolloni, di Teramo, Berardo De Simplicio.

Presenti anche i candidati nel Proporzionale alla Camera dei Deputati nel Collegio Pescara-Chieti  per la  Lista Noi con l’Italia–UDC, e cioé Fabiana Desiderio, Walter Cozzi, Incoronata Ronzitti e Giulio Sottanelli, capolista nel Proporzionaleal Senato  nella Circoscrizione Unica Abruzzo.

“La mia è una candidatura ed un riconoscimento alla serietà, alla disponibilità e alla mia coerenza, ai valori dello Scudocrociato nei quali sono cresciuto e ai quali mi sono sempre ispirato. Sono stati i punti fermi nelle mie esperienze come amministratore, tanto quando sono stato alla presidenza della Provincia di Chieti, che oggi come sindaco di Fossacesia. Non ho mai messo confini alla mia azione politica e ho sempre posto al centro delle mie iniziative gli interessi del territorio e della sua gente. Solo così si può crescere – ha proseguito Di Giuseppantonio -. Per noi dell’UDC si apre una bella e importante pagina, che vedrà protagonista l’Abruzzo”. “Ma è una pagina importante- hanno affermato i segretari provinciali- anche per la politica che, grazie  alla candidatura di Enrico Di Giuseppantonio, si riavvicina agli elettori. Siamo, infatti, tra le poche forze in competizione che punta su candidati che sono espressione dei territori. Nomi che hanno incontrato da subito il consenso dello schieramento di centrodestra nel momento della formazione delle liste e che non sono mai stati messi in discussione. Lo consideriamo un grande riconoscimento agli uomini e alle donne del nostro partito, al lavoro svolto in questi anni, ma anche al nostro simbolo, che è stato sempre un punto di riferimento nel nostro Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *