In 3 rapinano e picchiano 80enne: fermata una donna. A Giulianova per FI è emergenza sicurezza

Aggredito nel corso di una rapina. La Polizia di Stato di Pescara interviene e arresta una donna di 35 anni di Ortona.

E’ accaduto ieri sera in via Aterno. Gli agenti sono arrivati sul posto dopo la segnalazione di quanto stava avvenendo in un negozio di alimentari. Poco prima, il proprietario del negozio, di anni 80, era stato rapinato del fondo cassa da 3 soggetti, due uomini ed una donna travisata con una sciarpa. La vittima, malgrado fosse inerme, veniva dapprima ferita con il grosso coltello alla mano, alla gola, ed allo zigomo, quindi minacciata alla gola con l’arma e successivamente scaraventata a terra e colpita con calci e pugni. L’uomo veniva successivamente trasportato in ospedale e gli veniva riconosciuta una prognosi di  7 giorni. Durante le fasi dell’aggressione, il negozio veniva rovistato ed i rapinatori si impossessavano di circa 400 euro prima di darsi alla fuga. Nel frattempo alcuni passanti lanciavano l’allarme al pronto soccorso ed alle forze dell’ordine.  I poliziotti della squadra volante riuscivano ad individuare la donna in fuga, poi identificata per C. D. di anni 35, originaria di Ortona, la quale veniva inseguita da un passante mentre brandiva ancora in mano il grosso coltello. La stessa veniva pertanto prontamente raggiunta dai poliziotti, immobilizzata e disarmata del coltello; la successiva perquisizione consentiva si  rinvenire una parte della refurtiva (150 euro) e la sciarpa che aveva usato per travisarsi.

La donna, già pregiudicata per reati contro il patrimonio veniva pertanto tratta in arresto in flagranza di reato per rapina aggravata in concorso ed associata presso la  casa circondariale di Chieti. Sono in corso accertamenti ed indagini per identificare i 2 complici.

E in tema di sicurezza, a Giulianova la questione è tornata in primo piano. Negli ultimi mesi un’incredibile recrudescenza di fenomeni di microcriminalità, con furti, rapine e tentativi di effrazione pressoché quotidiani che, ad ogni ora del giorno e della notte, hanno colpito tantissimi esercizi commerciali e abitazioni private in varie aree del territorio comunale, a partire dalle centralissime vie del lido. In ordine di tempo il doppio clamoroso episodio avvenuto nella giornata di ieri: la rapina nel negozio di surgelati ad opera di un malvivente armato di taglierino e il furto con spaccata al bar Ciprietti, sventato grazie all’intervento dei Carabinieri.

Una vera e propria emergenza che, per Forza Italia, unita alla carenza di controlli a causa del cronico sottodimensionamento degli organi preposti, al crescente senso di degrado e abbandonoalimentatianche dai bivacchi ormai permanenti sul territorio cittadino, sta mettendo in serie difficoltà le attività commerciali.

“Per questo, alla luce degli ottimi risultati del Progetto pilota di vigilanza e controllo avviato dal nostro partito nell’aprile 2016, riteniamo opportuno rilanciare l’iniziativa, che prevede l’impiego di vigilanza privata per il controllo capillare del territorio a supporto delle forze dell’ordine, che non finiremo mai di ringraziare abbastanza per l’impegno, la dedizione e l’eroismo con cui svolgono il loro compito, nonostante si trovino ad operare nelle note condizioni di carenza strutturale di organico e umiliate daicontinui tagli operati dal governo centrale. Si ricorderà, infatti, che il progetto è stato testato in via sperimentale su un’ampia area del lido, sulla base dello studio effettuato dal Comitato di quartiere, in stretta collaborazione con residenti e commercianti, sorvegliando con pattuglie di vigilantes armati per un intero mese, dalle 23 alle 4 del mattino,le abitazioni e le attività commerciali che avevano aderito. Durante il mese di sperimentazione abbiamo riscontrato zero furti e danneggiamenti nell’area controllata. Ricordiamo, invece, che subito dopo la fine della sperimentazione, ci furono pesanti atti vandalici in pieno centro. Questa è la palese dimostrazione che con la collaborazione di tutti e la buona volontà possiamo rendere la nostra città più controllata e sicura. Considerando che la situazione è ormai completamente sfuggita di mano al sindaco Mastromauro, lo sollecitiamo ancora una volta ad uscire dal letargo invernale e a provvedere all’immediata convocazione di un Tavolo permanente sulla sicurezza, che abbiamo già chiesto a più riprese, quale strumento di monitoraggio e di raccordo tra le forze dell’ordine, operatori economici e cittadini, che si sentono ormai in totale abbandono, alla mercé del crimine e del degrado.