50 detenuti in più al carcere di Lanciano: dal Comune di Fossacesia solidarietà agli agenti

La protesta degli agenti della Polizia Penitenziaria di Lanciano indetta dalle sigle sindacali di rappresentanza domani si terrà regolarmente. La conferma è arrivata oggi dopo il ‘no’ al sit in organizzato in occasione dell’inaugurazione di una nuova sezione per 50 detenuti nell’area della Casa Circondariale da parte dell’amministrazione carceraria e del Prefetto di Chieti. Gli agenti saranno ospitati in uno spazio privato che è proprio di fronte al carcere. Nel frattempo incassano la solidarietà del Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio e del Vice Sindaco, Paolo Sisti.

In una lettera indirizzata al Ministero della Giustizia, al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria gli Amministratori Comunali di Fossacesia ed esponenti regionali e provinciali di partiti politici sottolineano come “tale apertura, a quanto è dato sapere, non corrisponderà un aumento degli agenti di polizia penitenziaria, provocando inevitabilmente situazioni di criticità. Infatti da molti anni, nella casa circondariale di Lanciano, all’aumento della popolazione carceraria (detenuti in AS e detenuti comuni) non si è fatto fronte con l’assegnazione di nuovo personale; di talchè il personale in servizio opera in situazioni di difficoltà, con grande sacrificio e con compromissione dei propri diritti. L’apertura della sezione per detenuti a custodia attenuata – sottolineano Di Giuseppantonio e Sisti – costringerà gli agenti a turni di lavoro incessanti e, allo stato, potrebbe anche incidere sui livelli di ordine e sicurezza che devono essere mantenuti nell’Istituto. Nel condividere pertanto i motivi di protesta delle Organizzazioni Sindacali e nell’esprimere solidarietà a tutto il personale di polizia penitenziaria in servizio presso la casa circondariale di Lanciano, si chiede agli Enti in intestazione di assumere provvedimenti che possano contemperare le esigenze di sicurezza all’interno dell’Istituto e i diritti del personale in servizio”.

Mano tesa anche dal movimento Lega Salvini Premier. “Siamo vicini – afferma il coordinatore regionale, onorevole Giuseppe Bellachioma – alle rivendicazioni degli agenti, che da tempo manifestano il loro disagio per la carenza di organico all’interno della struttura detentiva frentana. Carenza che rende difficile mantenere i necessari equilibri all’interno del carcere, nonostante l’impegno e l’abnegazione quotidiana di chi lì dentro lavora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *