Asse Francavilla-Montesilvano, Di Giuseppantonio chiede raddoppio delle gallerie

Due gravi incidenti in pochi giorni riportano all’attenzione generale la pericolosità della circonvallazione che collega Francavilla al Mare a Montesilvano (SS 714, Tangenziale di Pescara), un asse viario tra i più frequentati d’Abruzzo. L’arteria stradale, infatti, ha assunto nel tempo la funzione di veicolare il traffico all’esterno di Pescara e si pone per molti automobilisti come alternativa all’autostrada A14, con flussi di traffico in continuo aumento. Lungo i circa 21 chilometri di tracciato che vanno dall’innesto della ex SS 263 di Val di Foro fino a Montesilvano, si sono verificati fin troppi incidenti, molti dei quali mortali, in particolare all’interno dei tunnel stradali presenti sul tracciato. “La sicurezza nelle gallerie i Pianacci, San Silvestro e Le Piane è diventata una vera e propria emergenza – afferma il Segretario Regionale dell’UDC, Enrico Di Giuseppantonio -. E’ una situazione che non può essere più ignorata dal Ministero delle Infrastrutture, dalla Regione e dall’ANAS, che conoscono perfettamente i volumi di traffico che si sviluppano quotidianamente sulla circonvallazione, tra l’altro in costante aumento. Senza contare poi che l’asse, che è senza ombra di dubbio diventato di rilevanza strategica per il trasporto regionale, è percorso soprattutto da lavoratori e studenti pendolari e la loro incolumità deve essere tutelata . Non è più rinviabile quindi il raddoppio dei tunnel, una soluzione logica e moderna – conclude Di Giuseppantonio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *