Rinnovato il consiglio direttivo della FIAB Pescara Bici

L’associazione FIAB Pescara Bici ha rinnovato le cariche del consiglio direttivo. Lo ha fatto nel corso dell’assemblea generale dei soci, tenutasi nei giorni scorsi. Il nuovo comitato dirigenziale, salito a nove rappresentanti, ha visto la conferma di alcuni consiglieri uscenti come Giancarlo Odoardi, Filippo Catania, Laura Di Russo, Carla Martorella, e nuovi ingressi, come Francesco Mancini, Daniele De Ritis, Carla Martorella, Aristide Ricci, Rosa Trivulzio, Cinzia Sebastiani.

Nella sua relazione introduttiva, Laura Di Russo, in qualità di presidente uscente, ha tracciato un quadro delle attività svolte dall’associazione nel corso del suo mandato.

“Il 2017 si è chiuso con quasi 200 iscritti”, ha sottolineato la Presidente, “con un trend in crescita. Potremmo interpretare questo dato come un aumento di interesse da parte dei cittadini verso la bicicletta quale mezzo di trasporto, e quindi non solo di svago, all’interno del contesto urbano. L’auspicio è che la stessa cosa accada per gli Amministratori pubblici, se non altro perché ora hanno un motivo in più per occuparsene vista la recente approvazione della legge n. 2 dell’11/1/2018: “Disposizioni per lo sviluppo della mobilita’ in bicicletta e la realizzazione della rete nazionale di percorribilità ciclistica”. È proprio di questo, ma anche di altro, che abbiamo parlato durante l’incontro che qualche giorno fa abbiamo avuto con Giuliano Diodati, il terzo assessore alla mobilità di questo giunta comunale, a cui abbiamo sottoposto un robusto documento di riflessioni e di proposte sulla mobilità sostenibile, con la richiesta della costituzione di una cabina di regia, di un osservatorio-consulta delle associazioni, e un ufficio comunale delicato”.

A breve il consiglio direttivo sarà convocato dalla Presidente uscente per il rinnovo delle cariche. In quella occasione saranno definite anche le modalità organizzative della partecipazione dell’Associazione alla grande bicifestazione nazionale del 28 aprile, a Roma, aperta ovviamente a tutti coloro che fossero interessati ad esserci.