Spaccio e estorsione: mamma di Fossacesia finisce ai domiciliari

Agenti del Commissariato di Polizia di Lanciano, nel corso dei servizi di prevenzione e repressione allo spaccio di stupefacenti, ha arrestato in flagranza di reato di estorsione consumata una donna, di anni 31 di Fossacesia.

La donna, da tempo attenzionata dagli investigatori, richiedeva periodici pagamenti di denaro non dovuto a una conoscente di Lanciano per debiti contratti per l’acquisto di sostanze stupefacenti consumate da altri soggetti tossicodipendenti. Pare che lo stupefacente l’avesse venduto proprio l’arrestata. In pratica, era riuscita ad intimorire la vittima con minacce di vario genere sino ad indurla ai pagamenti che nel tempo sono risultati essere per un importo ben superiore a quanto inizialmente richiesto.

La presunta spacciatrice, nel pomeriggio di ieri, ha dato appuntamento alla vittima in via Bachelet di Fossacesia: l’incontro è avvenuto in strada e la vittima le ha consegnato la somma di 100euro. Le banconote utilizzate erano state precedentemente fotocopiate. Appena dopo la consegna gli agenti di polizia hanno fermato la donna che è stata trovata in possesso proprio di quelle banconote segnate. Particolare non meno importante è che la donna arrestata si presentata all’incontro per consumare l’estorsione con le sue due figlie minorenni. Il sostituto procuratore di turno ha ritenuto evitare il carcere alla donna che è ora agli arresti domiciliari presso la sua abitazione in quanto mamma da pochi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *