Vasto, il Consiglio approva il testamento biologico

Approvata all’unanimità, nel Consiglio Comunale del 19 giugno scorso, la proposta di regolamento delle Disposizioni anticipate di trattamento (D.A.T.) o cosiddetto testamento  biologico licenziata dalla Commissione Affari Sociali e Regolamenti, che disciplina il ricevimento e la registrazione delle disposizioni anticipate di trattamento  previste dalla legge n. 219 del 22 dic. 2017.

Le disposizioni contengono la manifestazione di volontà in materia di trattamenti sanitari che vengono rilasciate da un maggiorenne, capace di intendere e di volere, residente nel Comune di Vasto in previsione dell’eventuale incapacità di autodeterminarsi.

Sottoscrive la D.A.T. il disponente che può nominare un fiduciario che lo rappresenta nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie, qualora si trovasse nell’ incapacità di esprimere consapevolmente la volontà relativa ai trattamenti proposti. Il fiduciario a sua volta deve accettare l’incarico  e può revocarlo in qualsiasi momento. 

Medesima libertà è riconosciuta al disponente  che nel corso della sua vita può modificare la sua scelta in ordine alle disposizioni originariamente presentate.

La dichiarazione deve essere consegnata in busta chiusa, per garantirne il segreto,  all’ufficiale dello Stato Civile il quale deve limitarsi a registrare un ordinato elenco cronologico delle dichiarazioni ed assicurare la loro adeguata conservazione in conformità ai principi di riservatezza dei dati personali.

“Un risultato importante  per la nostra città – ha dichiarato l’assessore Luigi Marcello  con delega ai servizi demografici – che a giorni consentirà all’Ufficio di Stato Civile del nostro ente di ricevere, registrare e conservare le disposizioni anticipate di trattamento, ma non parteciperà alla redazione della scrittura privata riservata solo al disponente”.

La consigliera comunale Roberta Nicoletti, proponente e prima firmataria della proposta di regolamento e Maria Molino  presidente della Commissione Affari Generali e Regolamenti si dichiarano estremamente soddisfatte per il risultato raggiunto.

“L’approvazione di questo regolamento, da pochi mesi dall’entrata in vigore di una legge che ha vissuto un lungo e sofferto iter parlamentare – dichiarano Nicoletti e Molino – ha senza dubbio un alto valore sociale e di civiltà, poiché recepisce il principio costituzionale della tutela della vita, della salute e della dignità delle persone”.