Squadra volante arresta 21enne rom per tentato furto in abitazione di Pescara centro

La Squadra Volante della Questura ha arrestato una 21enne di etnia Rom con l’accusa di furto. I fatti: una pattuglia è intervenuta nel pomeriggio di ieri nel centro cittadino per una segnalazione nella quale si riferiva che erano in corso alcuni tentativi di furti. Due giovani donne, secondo la descrizione fornita, stavano tentando di scassinare i portoni di ingresso di vari appartamenti lungo la locale via Canova. Giunte sul posto, gli agenti delle volanti prendevano contatti con vari residenti, i quali avevano subito tentativi di intrusione nella propria abitazione, ed alcuni dei quali avevano scattato dal balcone foto con il cellulare alle autrici dei tentativi di furto.  I poliziotti riuscivano a rintracciare e bloccare le due giovani, sorprendendole all’interno di un condominio della stessa via, mentre stavano tentando di scassinare l’ennesima serratura con vari arnesi da scasso. La più grande veniva trovata in possesso di un cacciavite di 17cm e di una placca apri-porta celata nella coppa del reggiseno. La più giovane invece aveva indosso 2 cacciaviti di 32cm. La più grande veniva identificata per B.M. di anni 21, mentre la più giovane aveva appena 12 anni; entrambe di etnia Rom, originarie della Croazia. La maggiorenne veniva pertanto tratta in arresto in flagranza di reato per tentato furto in abitazione in concorso con la minorenne, non ancora imputabile. Immediati accertamenti di polizia giudiziaria permettevano di appurare che la 12enne era già stata sorpresa in passato all’atto di commettere furto in abitazione, mentre B.M. era ricercata pendendo sulla stessa ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Milano, dovendo scontare la pena di 1 anno, mesi 10 e giorni 5 di reclusione, per aver commesso svariati furti in abitazione, sempre a Milano. Veniva altresì denunciata per il porto ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli.