Lotta agli incendi, il Comune di Fossacesia sollecita la Regione a istituire corsi di formazione

Il Comune di Fossacesia ha inviato una lettera di protesta in ordine alla direttiva regionale relativa alla lotta agli incendi boschivi 2018. La Regione, infatti, quest’anno ha introdotto delle novità: il servizio, a differenza di quel che avveniva nel passato, potrà essere svolto solo da volontari abilitati con certificato AIB di II livello. La decisione guarda giustamente a far in modo che le pattuglie di volontari che controllano il territori prestabiliti con la Sala Operativa Regionale, possano intervenire immediatamente per spegnere incendi. Una rapidità fondamentale in caso di roghi. Negli anni scorsi, oltre ai volontari di II livello, i servizi venivano svolti da personale della Protezione Civile con attestato di I livello, con compiti di prevenzione e avvistamento incendi ma che non potevano intervenire in caso di incendi perché non adeguatamente preparati e equipaggiati.   

La novità decisa dalla Regione ha creato problemi a Fossacesia ed in altre zone, come sottolinea il sindaco Enrico Di Giuseppantonio: “Il nostro gruppo comunale di Protezione Civile, non potrà più svolgere alcuna attività AIB, pur essendo dotato di due moduli antincendio, in quanto conta meno di tre operatori abilitati AIB di II Livello. Il gruppo conta di solo due operatori con tale qualifica e, inoltre, nel prossimo mese di maggio del 2019, uno dei due compirà 63 anni di età, limite massimo per il servizio attivo. Per poter supportare adeguatamente le attività AIB sul nostro territorio – aggiunge il Sindaco -, abbiamo chiesto alla Regione di promuovere al più presto dei corsi di formazione specifici per i volontari che intendono acquisire l’attestato di II livello”.

Nella missiva inviata alla Regione, si è fatto presente che il gruppo comunale di Protezione Civile di Fossacesia conta oltre venti iscritti e ha svolto negli anni numerose attività per fronteggiare le emergenze causate dal maltempo e nei servizi antincendio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *