Appuntamenti in Abruzzo

Dal 5 agosto al 20 Agosto, a Salle, Montenerodomo, Lanciano, Villa S. Maria e Fara San Martino, L’Associazione Musicale e Culturale MUSICA ELEGENTIA, con la direzione artistica del Mastro Matteo Cicchitti, presenta l’International Festival of Baroque Music, 7th edition. Questi gli appuntamenti: a Salle, nella Chiesa di SS. Salvatore, domenica 5 agosto, alle ore ore 21, Concerto allievi “Masterclass III ediz. – Laboratorio Orchestra da Camera” della MUSICA ELEGENTIA COLLEGIUM.  Docente e direttore, Matteo Cicchitti; martedì 7 agosto, Montenerodomo, Teatro di Juvanum, ore 21, MUSICA ELEGENTIA CONSORT. Il concerto s’intitola“La viola da gamba, dall’Ars Nova al rinascimento e al barocco” musiche di  G. de Machaut, O. di Lasso, M. Praetorius, G. G. Kapsberger, S. de Murcia, G. Sanz, D. Ortiz e C. F. Abel. Si esibiscono Matteo Cicchitti, viola da gamba e direzione, e Pedro Alcàcer Doria, tiorba e chitarra barocca; venerdì 17 agosto, a Lanciano, Palazzo de Crecchio, Luigi Rodio, artista e autore; alle ore 19, presentazione libri: “Sinfonia Lirica e dei Soliloqui” – “Sonate e Suite Liriche” – “Cantilene di mezzanotte e macchie d’acquerello”. Alle ore 20 presentazione disco:“Sliding Nights” con Massimo Berghella clavicembalo; alle ore 21, concerto “Ciaccona” musiche di L. Couperin, G.F. Händel, J.H. d’Anglebert, A. Scarlatti e J.S. Bach; domenica 19 agosto, appuntamento a Villa Santa Maria nella Cappella di San Francesco Caracciolo. Alle ore 18 concerto della MUSICA ELEGENTIA CONSORT “La viola da gamba, dall’Ars Nova al rinascimento e al barocco” musiche di G. de Machaut, O. di Lasso, M. Praetorius, G. G. Kapsberger, S. de Murcia, G. Sanz, D. Ortiz e C. F. Abel. Matteo Cicchitti, viola da gamba e direzione, Domenico Cerasani, tiorba e chitarra barocca. Il 20 agosto, a Fara San Martino, nel Monastero San Martino in Valle, alle ore 20.30, concerto della MUSICA ELEGENTIA CONSORT, “La viola da gamba, dall’Ars Nova al rinascimento e al barocco” musiche di G. de Machaut, O. di Lasso, M. Praetorius, G. G. Kapsberger, S. de Murcia, G. Sanz, D. Ortiz e C. F. Abel. Matteo Cicchitti, viola da gamba e direzione, Domenico Cerasani, tiorba e chitarra barocca. L’ingresso a tutte le esibizioni è libero.

“Street Food Time” approda a Vasto

Continua il tour gastronomico itinerante più gustoso d’Italia che dal 9 al 12 agosto sarà di scena a Vasto. Dopo lo strepitoso successo delle tappe abruzzesi di Pescara e Sulmona nonché di quelle fuori regione, “Street Food Time” approda nella splendida costa vastese, sul lungomare Cordella a Vasto Marina. Stilosi food truck giungeranno da ogni regione d’Italia e dal monto per far gustare a tutti gli appassionati di cibo da strada di qualità centinaia di proposte culinarie diverse, il tutto accompagnato da decine di birre rigorosamente artigianali e quattro serate di concerti live. Insomma piacere e tanto divertimento per l’appuntamento organizzato dalla Blunel che partirà il 9 agosto alle 18 quando si accenderanno i fuochi delle cucine dei truck che resteranno accesi, in tutte e quattro le serate, fino a notte fonda. 23 food truck provenienti da ogni regione d’Italia e dal mondo, 6 birrifici artigianali, 150 cibi differenti, proposte gluten free, proposte per vegetariani e vegani, 35 birre artigianali, 4 serate di musica live e animazione con artisti di strada: questo sarà Street Food Time Vasto, un evento gastronomico in cui cibi gustosissimi incontrano le materie prime sane e genuine. L’area del festival, a ingresso gratuito, sarà la patria del cibo di qualità in cui gli alimenti della tradizione culinaria italiana saranno proposti in “versione street”. I produttori del cibo di strada sono artigiani che esprimono appieno i valori dell’Italia più vera e autentica. Ricerca della qualità, piacere di avere un contatto umano e schietto con i clienti, voglia di mantenere vivi i rapporti con il proprio territorio e la sua storia, utilizzo di prodotti agricoli genuini, uso di ricette tramandate di generazione in generazione: questi sono gli elementi che caratterizzano i cultori del cibo di strada, consapevoli che esistono nelle nostre città “paesaggi culturali” da difendere e conoscere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *