Occupazione in Abruzzo, per la Cgil i dati non sono incoraggianti

Rita Innocenzi, della segreteria regionale della Cgil Abruzzo, commenta i dati Istat sull’occupazione relativi al secondo trimestre dell’anno nella regione e offre una quadro della situazione sul mondo del lavoro in Abruzzo certamente non incoraggiante.

“Il dato dell’Istat pone in evidenza ancora una volta una marcata distinzione tra i territori del Paese: se, da un lato, cresce l’occupazione, dall’altro va tenuto in considerazione che nell’area del Mezzogiorno il saldo occupazionale, rispetto al dato pre-crisi, è ancora ampiamente negativo ed il recupero riguarda soprattutto  l’occupazione a tempo determinato”. Secondo il sindacato regionale “resta il fatto che in Abruzzo, come nel resto del Mezzogiorno, molti cittadini si sentono ai margini della nostra dissertazione sui dati, perché guardano al futuro con grande preoccupazione e tale preoccupazione risiede nell’incertezza di avere per sé e per i propri figli un lavoro in grado di garantire dignità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *