Rapina in villa, preso in Romania un altro componente della banda. Il capo non risponde al giudice

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lanciano, Massimo Canosa, ha firmato un mandato di arresto europeo nei confronti di Marius Adrian Martin, 34 anni, romeno, ritenuto un altro dei componenti della banda che il 23 settembre scorso sono entrati nella villa dei coniugi Martelli, a Lanciano. L’uomo, con precedenti per associazione a delinquere, reati contro la persona e patrimonio, è stato fermato a Craiova. Salgano a 6 i componenti del gruppo, tutti romeni, ritenuti i responsabili della violenta rapina in casa del pro. Carlo Martelli e della moglie, Niva Bazzan, alla quale, nelle concitate ore nelle quali rimasero prigionieri della banda, fu tagliato una parte dell’orecchio destro.

In una nota diffusa dalla Procura di Lanciano, si fa presente che “nella serata odierna il Comandante del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Chieti insieme al Capo della Squadra Mobile della Questura di Chieti si porteranno nella località rumena, dove si trova un investigatore del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, per l’attivazione delle procedure di estradizione”.

Tutto ciò avveniva mentre a Santa Maria Capua Vetere, si è svolto l’interrogatorio di garanzia a quello che è ritenuto il capo della banda, cioé Alexandru Bogdan Colteanu, 26 anni. Colteanu, è in carcere, a Caserta, dopo essere stato bloccato a Casal di Principe dalla mobile casertana, mentre tentava di vendere un orologio d’oro preso in casa dei Martelli. Il giovane, che era ricercato per una sentenza passata in giudicato per la quale deve scontare una pena a un anno e 4 mesi per un rapina, sempre in villa, commessa in provincia di Frosinone, non ha risposto alle domande che gli sono state fatte dal Gip diSanta Maria Capua Vetere, avvalendosi della facoltà di non rispondere. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *