Estrazione di gas a Bomba verso la bocciatura del progetto

La Commissione VIA nazionale ha espresso parere negativo sul contestato progetto di estrazione di gas a Bomba in Abruzzo, incentrando la decisione su uno degli argomenti oggetto di una delle osservazioni che erano state depositate nel 2016 dalla Stazione Ornitologica Abruzzese, quella sul rischio di sismicità innescatà dalle estrazioni.

La Commissione ha rilevato i rischi derivanti dalla presenza, proprio nella zona del giacimento, della sorgente sismogenetica “Deep Abruzzo citeriore basal thrust” e ha giudicato rischioso per la stabilità della diga di Bomba il possibile innesco di questa sorgente con conseguente sisma di grande magnitudo.Inoltre ha giudicato carenti gli studi depositati dal proponente.

E’ quanto ha reso noto la segreteria del movimento H2O Abruzzo

Il tema della sismicità innescata dalle attività umane e dalle estrazioni di idrocarburi in particolare assume finalmente importanza anche in Italia, dopo decine di pubblicazioni scientifiche a livello mondiale. A nostra conoscenza si tratta del primo progetto bocciato dalla Commissione nazionale VIA con questa motivazione.

Anche ISPRA più recentemente aveva sollevato molte perplessità su questo progetto individuando numerose criticità.

“Esprimiamo una grande soddisfazione per aver contribuito fattivamente assieme a tanti enti, associazioni, comitati e semplici cittadini a questo passaggio chiave che apre le porte alla definitiva bocciatura del progetto da parte del Ministero dell’Ambiente. Ora non resta che aspettare il parere del Ministero dei Beni Culturali e poi il Decreto interministeriale del Ministro dell’Ambiente e del Ministro dei Beni Culturali – afferma  H2O Abruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *