A Treglio l’appuntamento con Borgo Rurale

Torna anche quest’anno a Treglio “Borgo Rurale”, l’imperdibile festa, che raduna migliaia di visitatori provenienti da tutta Italia, dedicata al vino novello, castagne e olio nuovo. La kermesse, organizzata dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune, si svolgerà sabato 10 e domenica 11 novembre.

«Stiamo lavorando incessantemente da settembre – ha spiegato il presidente della Pro Loco, Francesco Conserva, alla conferenza stampa di presentazione dell’evento. – Abbiamo affrontato due mesi di preparativi affinché tutto si svolga nel migliore dei modi. Per l’edizione 2018 abbiamo deciso di aggiungere nuovi piatti sempre nel rispetto della tradizione culinaria locale, come la pasta con zucca gialla e pancetta, cotiche e fagioli e chicocce e patane». Altra novità sarà la presenza di due cantine nelle quali le massaie mostreranno al pubblico la preparazione del pane e della pasta fatta in casa, nonché la lavorazione al tombolo. In ogni vicolo sarà possibile degustare gustose pietanze e ascoltare buona musica. Saranno ventuno le postazioni dedicate ai piatti tipici del territorio e oltre dieci al vino. Gli stand enogastronomici apriranno sabato alle 18.30 e rimarranno aperti, in entrambe le serate, fino a mezzanotte e mezza. Sarà inoltre attivo un servizio bus navetta dalle 17 in poi per raggiungere più agevolmente il borgo con partenze da piazzale della Pietrosa (Lanciano), dal quartiere Santa Rita (Lanciano) e dal Thema Policenter (Rocca S. Giovanni). I gruppi musicali che intratterranno i visitatori saranno tredici, con generi musicali che spazieranno dal folk al rock, dal country al pop fino alla musica salentina.

«Borgo Rurale – ha aggiunto il sindaco Massimiliano Berghella – è una grande manifestazione enogastronomica, culturale ed economica, dato che tutti prodotti utilizzati sono a chilometro zero. La novità di quest’anno è che Borgo Rurale diventa digitale grazie ad una mappa scaricabile sul proprio smartphone con un codice QR. Questo per dare la possibilità a tutti coloro che non acquisteranno il kit di girare liberamente per i vicoli del centro storico del nostro tipico paese».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *