Il castello di Roccascalegna approda sul sito internet americano della CNN

Il suggestivo castello di Roccascalegna approda sul sito internet della CNN. L’antico maniero, ancora una volta, ha fatto centro con la sua selvaggia bellezza, tanto da apparire in un servizio della corrispondente italiana della celebre tivvù statunitense.

La giornalista Sivia Marchetti incuriosisce in particolare il pubblico americano con la possibilità di sposarsi nelle antiche sale del castello. Roccascalegna, un borgo medievale nella centrale e selvaggia regione abruzzese, affitta quindi la sua splendida fortezza per matrimoni, cocktail party, compleanni, anniversari e altri eventi per un prezzo davvero conveniente. Il sindaco Domenico Giangiordano spera di utilizzare il castello, recentemente ristrutturato, per ravvivare il suo spopolato paese, trasformandolo in un fantastico luogo per celebrazioni sontuose al modico prezzo di 100 euro. 

«È una tariffa davvero bassa – ha spiegato Giangiordano alla CNN Travel, con la fantastica possibilità di poter ammirare il panorama che si estende dalle cime innevate dell’Appennino al blu del mare Adriatico. Il nostro obiettivo – ha aggiunto il primo cittadino – non è quello di raccogliere denaro, ma di utilizzare questa opportunità per rinnovare l’economia locale, attirando una clientela d’élite che ama i luoghi insoliti».

Il castello, che ha una superficie di 700 metri quadrati, ospita una cappella per matrimoni, una torre per cocktail serali, antiche segrete e sale di tortura per cene a lume di candela. Riflettori illuminano la salita con una scalinata in pietra e giardini interni. I bastioni hanno balconi sporgenti in ferro, pavimenti in vetro e finestre a fessura che si affacciano su una verdeggiante vallata. Nel corso dei secoli il maniero è stato oggetto di invasioni barbariche, truppe nemiche e incursioni dei pirati dalla costa. Il castello può essere raggiunto solo a piedi, il che rende il luogo ancora più esclusivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *