Corruzione, ai domiciliari il sindaco di Capistrello

Francesco Ciciotti, sindaco di Capistrello, un ex consigliere comunale e il responsabile dell’area tecnica del Comune aquilano sono stati raggiunti da provvedimenti restrittivi emessi  nell’ambito di un’inchiesta  su presunti appalti truccati. I tre sono agli arresti domiciliari. Le misure cautelari sono state emesse dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Avezzano. I reati contestati sono, a vario titolo, di concussione, corruzione, turbata libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, truffa aggravata e falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. Le misure sono state eseguite dai Carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo, e riguarda altri 10 indagati tra professionisti e imprenditori residenti in altre città italiane nelle province di  L’Aquila, Roma, Firenze e Potenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *