HIV e AIDS, a Pescara confronto con i giovani. Tinto di rosso il Ponte Ennio Flaiano

«Non bisogna mai abbassare la guardia ed è necessario conoscere ed informarsi per avere piena coscienza di ciò che HIV e AIDS rappresentano nella nostra società», con queste parole don Marco Pagniello, direttore della Caritas diocesana di Pescara-Penne, spiega il senso della giornata e l’obiettivo delle iniziative organizzate dalla chiesa locale. «Per l‘occasione vogliamo aprire canali di riflessione con la cittadinanza e soprattutto con i più giovani– continua don Pagniello – vogliamo confrontarci su tutti gli aspetti riguardanti l’argomento e, non per ultimo, il pregiudizio e la paura nei confronti delle persone affette».

Primo appuntamento, domani, sabato 1 dicembre, dalle 8 alle 10, con gli studenti del terzo e quarto anno dell’Istituto Di Marzio-Michetti di Pescara«per parlare di prevenzione e del rischio di stigmatizzazione sociale nei confronti delle persone affette da Aids, un pregiudizio che può generare anche esclusione sociale».

Nel pomeriggio, invece, sarà aperta a tutti la casa famiglia di via Caboto, “Il Samaritano”che accoglie persone affette da Hiv/Aids e con particolari fragilità socio-economiche. Infine, in serata, in collaborazione con il Comune di Pescara, sarà tinto di rosso il Ponte Ennio Flaiano. 

«Celebriamo una giornata ma ci impegniamo ogni giorno – conclude il direttore della Caritas – perché sia assicurata sempre più dignità a coloro che convivono con l’Hiv. Lavoriamo per impedirne l’emarginazione e perché siano superati pregiudizi e stigmatizzazioni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *