Medici, infermieri e operatori socio sanitari ballano e cantano per i degenti della Clinica oncologica di Chieti

Si sono improvvisati un po’ cantanti e un po’ ballerini medici, infermieri e operatori socio sanitari della Clinica oncologica di Chieti, che hanno voluto regalare un sorriso ai pazienti con un messaggio di auguri insolito e spiritoso. Lungo i corridoi dell’unità operativa diretta da Clara Natoli hanno dato vita a un flash mob tutto energia e vivacità, durante il quale ognuno ha interpretato i passi con uno stile personalissimo.

Una performance gioiosa e coinvolgente, resa ancor più piacevole dall’immagine “natalizia” dei protagonisti, che non hanno esitato a indossare cappellini, alberelli, cerchietti da renna e  nasi rossi da clown per rendere più leggero l’animo dei pazienti che affrontano l’impegnativo percorso di cura con inevitabile angoscia.

«Il paziente – sottolinea il direttore Clara Natoli – deve essere aiutato a riappropriarsi del proprio processo di guarigione, recuperando e valorizzando gli aspetti emozionali, intellettuali e sensoriali».

Al flash mob hanno partecipato i medici Lia Carella, Cosima Chiapperino, Michele De Tursi, Maria Teresa Martino, Pietro Di Marino, Marta Peri, Laura Iezzi, Davide Brocco, Alberto Quinzi, Annarita Camplese; gli infermieri professionali Marisel Sanfilippo, Luisa Di Nardo, Stefania Giuliani, Cinzia Medoro, Angela Morone, Angelina Papa, Michela Polidori e gli operatori socio sanitari Irma Maccarone e Sonia Pierangelo.

A Lanciano, in occasione della tradizionale Squilla, domenica 23, nell’ospedale di Lanciano, a partire dalle ore 10, nell’atrio dell’ingresso principale si susseguiranno diversi eventi nel segno comune della solidarietà e della generosità. Si parte con la consegna di un Holter Ecg donato al Pronto soccorso dalla Onlus intitolata a Pino Valente, il compianto e amato vice sindaco scomparso prematuramente.

Grande spazio sarà dato anche ai bambini ricoverati in Pediatria, che alle ore 10.30 assisteranno dalle finestre alla “discesa di Babbo Natale”, che si calerà dal terrazzo per portare poi i doni in reparto, offerti dall’Associazione volontari soccorso San Filippo Neri onlus. L’iniziativa si concluderà alle ore 11 in Pediatria con la consegna dei regali e giochi in collaborazione con l’Associazione Emeis.

Com’è noto, il 23 dicembre rappresenta una data importante per la città di Lanciano, che celebra la Squilla, appuntamento molto sentito che risale al 1500 e veicola un messaggio di pace e fratellanza. Si tratta di una tradizione esclusiva del capoluogo frentano, legata ai rintocchi della campana della Torre civica, che alla sera invita a rinnovare e rinsaldare i vincoli di amicizia e amore. Un’anticipazione del Natale, carica di significati simbolici e che parla al cuore delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *