Messaggio di Marsilio agli elettori: “Mi candido per portare l’Abruzzo tra le Regioni capofila”

“L’indicazione della mia persona da parte dei leader della coalizione di centrodestra, mi riempie di orgoglio. A loro, e a quanti in questi giorni mi hanno manifestato sostegno e apprezzamento, va il mio ringraziamento”.

A dirlo è Marco Marsilio, candidato Presidente del centrodestra alle elezioni regionali del prossimo 10 febbraio. Una candidatura adesso ufficiale dopo il sì della Lega di Salvini nelle ultime ore. Marsilio, proposto da Fratelli d’Italia (ieri la Meloni ha annunciato che presto sarà in Abruzzo per sostenere l’ex senatore) sarà sostenuto inoltre da Forza Italia, Udc-Dc e altri movimenti civici. Non tutti, a quanto sembra. Fabrizio Di Stefano, al momento, non pare intenzionato a schierarsi sull’esponente di Fratelli d’Italia e ha ribadito che correrà da solo. Di Stefano a giorni incontrerà le liste civiche che lo appoggiano per decidere cosa fare. Non è da escludere un ripensamento.

Nella sua prima comunicazione ufficiale agli abruzzesi come canditato Governatore, Marsilio afferma che “con la fiducia degli elettori, passo dopo passo, lavorerò con sapienza e determinazione per la rinascita della nostra regione – continua Marsilio – Dopo il disastroso quinquennio targato Pd a trazione D’Alfonso, va scongiurata un’altra legislatura fotocopia a guida Giovanni Legnini: la continuità verso una strada senza sbocco. Bisogna scongiurare il pericolo di un governo 5Stelle, la cui incapacità è evidente a Roma e Torino, e che farebbe retrocedere ancora di più l’Abruzzo. Sarà un cammino complesso ma esaltante, nel quale vorrei coinvolgere anche movimenti e liste civiche che condividono questa grande voglia di cambiamento”. Marsilio guarda al futuro dell’Abruzzo consapevole che la forza trainante va ricercata in quelle realtà sociali, imprenditoriali, culturali, ambientali, come nelle giovani generazioni, che soffrono una crisi profonda, nell’assenza totale di interlocutori credibili. In ogni nostro passo, l’Abruzzo – rileva, infine, il candidato presidente del centrodestra – per riscattarlo dagli anni bui del centrosinistra; per portarlo a essere tra le Regioni capofila; per renderlo una realtà vitale, una terra delle opportunità e dello sviluppo; per riconsegnare alle famiglie abruzzesi l’ottimismo della quotidianità e la bellezza di un impegno, che produca possibilità di crescita e di affermazione esistenziale e professionale per i propri figli. Perché nessuno debba più andare via dall’Abruzzo, per mancanza di opportunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *